×

Sanremo 2022, Michele Bravi: “Inverno dei fiori è una dichiarazione d’amore dei tempi moderni”

"Felice di essere stato scelto dalla maison Cavalli. Sanremo 2022 è un'opportunità per presentare i legami umani", svela Michele Bravi in conferenza stampa.

Sanremo 2022 Michele Bravi

“Inverno dei fiori” è la canzone che Michele Bravi presenta alla settantaduesima edizione del Festival di Sanremo. Scritto da Michele Bravi, Cheope, Alex Raige Vella, è un brano d’amore, fragile e delicato, intenso come solo la sua scrittura sa essere. La canzone riflette sul concetto di umanità, empatia e condivisione, raccontando quanto l’intreccio umano sia l’unica via per imparare l’amore.

La musica è di Federica Abbate, Michele Bravi e Francesco Catitti che ne ha curato anche la produzione. Nella serata dedicata alle cover, quella di venerdì 4 febbraio, Michele canterà il brano “Io vorrei… non vorrei… ma se vuoi”, scritto da Lucio Battisti e Mogol. Con l’arrivo della primavera, inoltre, Michele Bravi si prepara al suo nuovo tour nei teatri. In conferenza stampa, Michele Bravi ha presentato in esclusiva l’emozione di tornare sul palco dell’Ariston, l’entusiasmo alla vigilia della sua nuova tournée e i nuovi progetti sui quali è al lavoro.

Sanremo 2022, Michele Bravi presenta “Inverno dei fiori” e la cover di Mogol e Battisti

Per Michele Bravi, “Inverno dei fiori” è “una dichiarazione d’amore dei tempi moderni”. A tal proposito, ha spiegato: “Negli ultimi anni la vita che conoscevamo è svanita. Ho voluto concretizzare un gesto di empatia e l’ho fatto attraverso una canzone nata in maniera molto istantanea. Ho scoperto l’esistenza di fiori invernali, che per me rappresentano la forza dell’amore, capace di avere la meglio anche nei momenti più difficili e impetuosi.

Come i fiori d’inverno, tutti noi ora sentiamo l’esigenza di rifiorire. La gentilezza è un gesto piccolo che può cambiare il mondo”.

A proposito della sua nuova avventura a Sanremo 2022, Michele Bravi ha sottolineato: “Per me si tratta di un’opportunità per raccontare i legami umani”. Per l’artista non mancano i progetti:Per la prima volta sono alla regia di un mio videoclip.

Prima avevo troppo pudore, ora voglio dimostrare che la mia passione può toccare il mondo dell’immagine e del cinema, andando oltre la musica. Ho lavorato insieme a Roberto Chierici, uno dei più grandi direttori della fotografia”.

Sanremo 2022 Michele Bravi

Non manca neppure l’emozione alla vigilia della serata cover. Lui ha scelto un brano toccante, dall’intensità viscerale: “Io vorrei… non vorrei… ma se vuoi”. A tal proposito, ha precisato: “Sono cresciuto con il cantautorato italiano. Voglio dare una nuova versione di un brano ineguagliabile, omaggiando la tradizione che ci ha lasciato un duo senza pari”.

Per l’esperienza sanremese veste Roberto Cavalli e tiene a sottolineare: “Sono onorato di prestare il mio corpo alla maison Cavalli.

Sanremo 2022 Michele Bravi

Non sono mancate le curiosità sul fantasanremo, un’avventura alla quale sembra essersi appassionato. “L’ho scoperto proprio quest’anno, prima non lo conoscevo. È un aggregatore, fa ascoltare la musica e crea intrattenimento”. Quindi, con ironia, ha svelato: “Il mio vero nemico è Aka 7even e non Sangiovanni”.

Contents.media
Ultima ora