×

Sanremo, trovati in strada alcuni volantini contro Mario Draghi

Si pensa che i volantini denigratori contro Mario Draghi trovati a Sanremo, siano stati realizzati dai no Green pass

Teatro Ariston

Non manca molto all’inizio del Festival di Sanremo e già iniziano le polemiche. Sanremo è uno degli eventi più mondani della nostra Nazione e sicuramente uno dei più discussi. Dalle proteste ai tentativi di sabotaggio, quest’anno non sono mancati gli attacchi al Presidente del Consiglio dei Ministri Mario Draghi.

Sanremo, (forse) no Green pass contro Mario Draghi

Si apprende da SanremoNews.it, che in via Volta sono stati trovati alcuni volantini denigratori nei confronti di Mario Draghi. Per essere sintetici, si attacca il fatto che il Premier abbia garantito l’accesso al Teatro Ariston a coloro che sono in possesso del super Green Pass. Trattandosi di un teatro, l’accesso al Festival segue ogni regola prevista per gli altri teatri, solo qualche accortezza in più.

I volantini trovati a Sanremo: Draghi come Pinocchio

Sui volantini è raffigurato il Premier Mario Draghi con il volto modificato. L’allusione è a Pinocchio, dato che è stato manomesso il naso del Presidente e sostituito con quello del burattino, quindi lungo e con la forma appuntita. Questa forma del naso Pinocchio la assume quando dice una bugia. Per i realizzatori di tali volantini, Draghi sarebbe dunque un bugiardo.

I volantini trovati a Sanremo: si pensa ci sia lo zampino dei no Green pass

L’ipotetica bugia riguarda ovviamente il Green pass. Sul volantino infatti sono riportate le parole di una conferenza stampa del Premier, datata 22 luglio 2021. In quell’occasione, Draghi, disse: “Il Green pass è una misura con cui gli italiani possono continuare ad esercitare le proprie attività, con la garanzia di trovarsi tra persone che non sono contagiose“. Alla fine del volantino è scritto inoltre: “NON TI SENTI PRESO PER IL C**O?”.

Tutto questo fa chiaramente pensare che dietro quest’atto ci siano quasi sicuramente i no Green pass.

Contents.media
Ultima ora