Scandalo Catania, revocati gli arresti domiciliari a Pulvirenti e Cosentino
Scandalo Catania, revocati gli arresti domiciliari a Pulvirenti e Cosentino
Calcio

Scandalo Catania, revocati gli arresti domiciliari a Pulvirenti e Cosentino

Il Gip del tribunale di Catania, Fabio Di Giacomo, ha revocato gli arresti domiciliari al presidente del Catania Nino Pulvirenti e a Pablo Cosentino, amministratore delegato del club etneo. Le dimissioni dai loro incarichi e le confessioni di Pulvirenti, che avrebbero rafforzato il quadro giudiziario contro i vertici del Catania Calcio, ha di fatto attenuato le ragioni per le esigenze cautelari.

I due dirigenti, insieme ad altri soggetti coinvolti nell’inchiesta “i treni del gol” che ha accertato un piano ordito per alterare i risultati degli incontri di calcio a beneficio del Catania, furono arrestati il 23 giugno scorso. Per loro adesso rimane solo l’obbligo di firma per 4 giorni a settimana in un ufficio della Polizia di Stato e il divieto di espatrio. Per questa ragione sono stati ritirati i passaporti dei due protagonisti della vicenda.

Nel corso dell’interrogatorio di garanzia, Pulvirenti, aveva ammesso di avere contattato dirigenti e tesserati di altri club al fine di alterare i risultati dei match del Catania, per salvare il sodalizio etneo dalla retrocessione in Lega Pro, e di avere sborsato fino a 100 mila euro per comprare cinque gare.

2 Trackback & Pingback

  1. Scandalo Catania, revocati gli arresti domiciliari a Pulvirenti e Cosentino
  2. Scandalo Catania, revocati gli arresti domiciliari a Pulvirenti e Cosentino | Ultime Notizie Blog

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*