×

Serie B: Torino, che fatica. Livorno piegato all’80’

default featured image 3 1200x900 768x576

Parisi

Una rete del decimo marcatore diverso stagionale diverso basta al Torino per riprendere a volare: un tracciante mancino di Alessandro Parisi all’81’ fa saltare il bunker del Livorno di Novellino, alla prima sconfitta contro il Torino dopo il secondo esonero subito nell’aprile 2009.

Una vittoria pesantissima per i granata, perché permette di riportarsi a +6 sulle seconde alla vigilia del fondamentale doppio appuntamento contro Padova e Pescara, il primo dei quali da affrontare senza mezzo centrocampo (squalificati Basha e Vives) ma con il rientrante Bianchi, cui è stato condonato un turno di squalifica. Ma questa è solo una delle preoccupazioni che accompagneranno Ventura per tutta la settimana che va a cominciare perché se è vero che vittorie come questa fortificano il morale del gruppo, è altrettanto innegabile che il momento attraversato dalla capolista non sia dei più brillanti: quello di Parisi è stato infatti il primo vero tiro in porta dell’intera partita del Toro.

I granata sono stati sì inibiti nella loro produzione offensiva dal muro eretto da Novellino, ma comunque qualcosa non gira più come due mesi fa: manovra troppo lenta e prevedibile, nonostante il passaggio al 4-3-3 per non concedere la superiorità numerica in mezzo al campo agli avversari, schierati con un 4-1-4-1 flessibile in un 3-5-2. Così nella giornata in cui Vives mostra i primi segnali di ripresa, Stevanovic torna per un giorno quello fumoso della scorsa stagione mentre Ebagua si conferma a disagio nel ruolo di punta centrale.

Quindi dopo un buon inizio del Toro il Livorno entra in partita, e per i granata le cose si complicano: il modulo di Novellino non è infatti solo difensivo, gli esterni cominciano a spingere mentre i mediani tengono ottimamente le distanze per non far schiacciare la squadra. Ottima anche la resa di Paulinho e Dionisi, autori del primo pressing sui difensori granata, abituali iniziatori dell’azione del Toro. La musica non cambia nella ripresa, durante la quale anzi il Torino finisce per innervosirsi per la sua stessa impotenza: così la partita si surriscalda, Dionisi reclama un rigore, Perticone colpisce con una gomitata Antenucci e per tutti pagano Ventura e Novellino, espulsi insieme a metà tempo.

Ma Verdi, entrato al posto di Stevanovic ad inizio secondo tempo, ha un altro brio, ed il finale sarà tutto suo: le sue scorribande sulla destra mandano in crisi un Livorno sempre più stanco. Così Lambrughi viene espulso per doppia ammonizione per fallo su D’Ambrosio e trenta secondi dopo proprio Verdi batte un angolo, la palla arriva a Parisi che dal limite dell’area non lascia scampo a Bardi. Il Livorno si butta in attacco ed il Toro potrebbe raddoppiare: ma sarebbe stato troppo.

Torino-Livorno 1-0

Marcatore: 81’ Parisi

Torino: F. Coppola; Dan. D’Ambrosio (85’ Di Cesare), Glik, Ogbonna, Parisi; Basha, Iori, Vives; Stevanovic (46’ Verdi), Ebagua (69’ Sgrigna), Antenucci. (Gomis, Pratali, De Feudis, Oduamadi). All.: G. Ventura.

Livorno: Bardi; Perticone, Miglionico, Knezevic, Lambrughi; Genevier; Schiattarella (77’ Salviato), Filkor (83’ Bigazzi), Luci, Dionisi (60’ Russotto); Paulinho. All.: W. Novellino. (Mazzoni, Remedi, Barone, Belingheri). All.: W. Novellino.

Arbitro: Giancola (Vasto)

Ammoniti: Miglionico, Lambrughi, Antenucci, Perticone, Vives, Basha e Russotto.

Espulso: Lambrughi all’80’ per doppia ammonizione.

Contents.media
Ultima ora