×

Sondaggi politici: chi vincerebbe le elezioni se si andasse a votare oggi?

I sondaggi politici rivelano le intenzioni di voto degli italiani. Vedendo le percentuali, chi potrebbe vincere le elezioni?

Salvini, Conte, Meloni e Letta

Molti urlano a gran voce: “Elezioni subito” nel caso in cui dovesse cadere il governo Draghi, ma quale partito potrebbe realmente vincere le elezioni? Vediamo cosa dicono i sondaggi politici sulle intenzioni di voto degli italiani.

Sondaggi politici: Sondaggi politici: chi vincerebbe le elezioni se si andasse a votare oggi?

La pole position è sempre di Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia (FdI), con il 22,4%. Segue Enrico Letta, leader del Partito Democratico (PD), con il 21,7%. Ma ci sono delle novità per i due partiti. Se da gennaio i sondaggi li vedevano in forte crescita, nelle ultime due settimane hanno perso rispettivamente uno 0,5% e uno 0,2%. La Lega di Matteo Salvini e il Movimento 5 Stelle (M5S) di Giuseppe Conte non sono messi bene.

La Lega ha perso uno 0,2% e ora è al 14,6% nelle intenzioni di voto degli italiani. La situazione paradossale è invece quella del M5S. Giuseppe Conte, responsabile di questa crisi di governo e dell’uscita di Luigi Di Maio dal partito, ha visto un aumento della intenzioni di voto dello 0,6%. Sebbene sia l’unico dei principali partiti ad aver registrato un aumento negli ultimi quindi giorni, è comunque all’11,2% e non riesce a superare la Lega.

Il M5S deve fare anche attenzione a Forza Italia (FI). Il partito di Silvio Berlusconi ha visto un aumento dell’1,1%, raggiungendo così l’8,8%. Se il trend dovesse essere questo c’è un’alta probabilità che FI possa superare il M5S.

In caso di ballottaggio saranno fondamentali i “partiti minori”

Osservando i dati raccolti da Supermedia di Agi e Youtrend, è logico pensare che nessuno di questi partiti potrebbe vincere le elezioni al primo turno, in quando la differenza tra i primi due partiti (FdI e PD) è davvero poco.

A questo punto si andrebbe al ballottaggio in caso di elezioni, dove le alleanze e i giochi politici sono fondamentali. Il centrodestra ha due partiti nella top 3 delle intenzioni di voto e questo dato non va sottovalutato. Il M5S è diventato decisamente borderline e non è detto che il PD possa confermare la sua alleanza con i pentastellati per la prossima legislatura. Saranno sicuramente decisivi i cosiddetti “partiti minori” che rappresentano l’ago della bilancia soprattutto per la sinistra dato che partiti come Azione/+Europa stanno crescendo sempre di più. Poi c’è il nodo Luigi Di Maio, Insieme per il futuro (Ipf), che potrebbe contare su una buona parte degli ex elettori del M5S e fedeli alla sua linea. Personaggi politici come Di Maio e Conte hanno dimostrato di non essere troppo schierati quando si trattava di scegliere al ballottaggio, basti pensare all’alleanza prima con la Lega e poi con il PD. Arrivati a questo punto non si possono escludere colpi di scena. Fatto sta che dalle elezioni 2023 (o 2022?) non si può ancora definire con certezza chi ne uscirà vincitore.

Contents.media
Ultima ora