×

Sparano in casa per gioco: uccidono un uomo che dormiva nella casa di fronte

Volevano "giocare" con un'arma da fuoco ma uccidono un uomo mentre dormiva. La tragica vicenda che ha coinvolto un giovane medico britannico

Matthew Wilson

Una vacanza si è trasformata in tragedia per un medico britannico. Il ragazzo si trovava negli Stati Uniti d’America per fare visita alla sua fidanzata ed è morto mentre dormiva a causa di un proiettile vagante.

Degli spari uccidono un uomo mentre dormiva 

Questa assurda vicenda è avvenuta ad Brookhaven, sobborgo di Atlanta, nello Stato della Georgia, USA. La persona coinvolta è una: Matthew Wilson, medico 31 enne morto per uno scherzo del destino. Non è nota l’identità di coloro che hanno esploso il colpo d’arma da fuoco, sicuramente sono più di una persona. Le forze dell’ordine parlano di un gruppo di individui.

Uccidono un uomo mentre dormiva: la dinamica

Matthew Wilson, medico britannico 31enne, era a casa della sua fidanzata e stava dormendo nel momento in cui è stato raggiunto dal proiettile esploso da alcune persone residenti nel palazzo di fronte.

La vicenda è avvenuta la notte tra sabato 15 gennaio e domenica 16 gennaio 2022, intorno alle 2:00. La polizia ha ricevuto una prima telefonata in cui si parlava di alcuni spari provenienti da una palazzina. Nella seconda telefonata, invece, l’interlocutore ha parlato di un uomo colpito da arma da fuoco. Non è stato difficile, dunque, capire che i due eventi fossero collegati.

Uccidono un uomo mentre dormiva: è stata una casualità

Il medico 31enne è stato immediatamente soccorso dai sanitari, ma purtroppo non c’è stato nulla da fare. Matthew Wilson è deceduto qualche ora dopo in ospedale. L’intenzione di colui che ha premuto il grilletto non era di certo quella di uccidere una persona, la polizia ha parlato infatti di una casualità. Le persone che stavano “giocando” con l’arma da fuoco, volevano solo sparare dei colpi per “divertirsi“. Ciò non toglie che ormai il danno, e anche grosso, è stato fatto.

Contents.media
Ultima ora