×

Inter-Juve, Higuain una sentenza: Sarri sconfigge Conte

San Siro sold out, oltre 100 Paesi connessi per il derby d'Italia. Il gol di Higuain decide la gara a dieci dalla fine.

inter juve higuain

Forse, la partita tra le due squadre che si contenderanno il titolo sino alla fine. Ci si aspettava una gara molto tattica, vista l’importanza e la forza dei rispettivi reparti difensivi. L’Inter era chiamata a mantenere la vetta della classifica (dopo il filotto di sei vittorie consecutive in questa prima parte di stagione), la Juventus doveva testare i miglioramenti emersi nelle ultime uscite.

Cronaca del match

Pronti, via. La Juventus passa subito in vantaggio con Paulo Dybala, non perfetto Samir Handanovic che avrebbe potuto fare qualcosa in più. Passano soli 4 minuti e CR7 sfiora la rete del raddoppio, ma la traversa salva l’Inter. Al 18′ arriva il pari su calcio di rigore, realizzato da Lautaro Martinez. Intervento scomposto di De Light, che tocca col braccio sul cross di Danilo D’Ambrosio.

La seconda parte del primo tempo vede la squadra di Sarri fare la gare, costringendo i nerazzurri ad abbassare il proprio baricentro (pesa anche la sostituzione di Sensi causa problema fisico alla mezz’ora). Al 37′ la Juve passa nuovamente in vantaggio con Cristiano Ronaldo, ma il Var ferma tutto per posizione di fuorigioco di Dybala, autore dell’assist.

Nella seconda frazione di gara l’Inter sembra accusare fisicamente la dispendiosa trasferta del Campo Noi contro il Barcellona, la Juve prova ad alzare i ritmi in fase di possesso. Sarri gioca la carta Higuain al 60′, al posto di uno spento Bernardeschi. Ma, incredibilmente, è la squadra di Conte a sfiorare la rete del vantaggio al 67′ con Vecino, il cui destro deviato da De Light termina di un soffio al lato di Szczesny.

A dieci dalla fine è proprio il Pipita a decidere il match, ancora una volta a San Siro (come due stagioni fa quando il suo gol con l’Inter consegnò lo scudetto alla Juve). Nelle ultime battute i nerazzurri provano a riprendere il match, ma la linea difensiva bianconera è attenta. A San Siro termine 1-2 a favore della Juventus, che (ri)trova il primo posto classifica.

Conte: “Juve superiore”

Il commento amaro del tecnico nerazzurro dopo la sconfitta contro i bianconeri: “Era una partita importante. Abbiamo perso, mi dispiace. Complimenti a loro. Non ci dobbiamo paragonare a loro in questo momento, ma ridurre il gap che è importante. Abbiamo anche pagato l’infortunio di Sensi e nel momento in cui è uscito abbiamo perso il filo del discorso”.

Di tutt’altro umore è ovviamente Sarri che si gode la qualità della propria rosa oltre che, ovviamente, i tre punti preziosi che spingono la Juve in testa alla classifica: “”Il sorpasso all’Inter ha poco significato in questa fase della stagione. E’ più importante la prestazione, di personalità, di carattere, contro una squadra che in campionato aveva sempre vinto e in un ambiente carico. Vittoria meritata. Il secondo gol nasce dal Sarrismo? No, dai piedi buoni dei miei giocatori. La Juve ha tanta qualità e palleggia bene. E quando il palleggio è fluido l’occasione arriva. Ho provato Ronaldo, Dybala e Higuain insieme perché l’inerzia era nostra e volevamo vincere la partita. Solo che Dybala era già leggermente stanco. E quando ho avuto la sensazione che l’inerzia stava cambiando ho riequilibrato la squadra con Emre Can”.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:

Leggi anche