Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Uccide la moglie davanti alla scuola del figlio e si suicida
Cronaca

Uccide la moglie davanti alla scuola del figlio e si suicida

scontro autobus

Omicidio-suicidio a Cersosimo, in provincia di Potenza. Una guardia giurata di 41 anni ha sparato e ucciso la moglie 30enne.

Le cronache italiane riportano l’ennesimo dramma familiare, stavolta accaduto a nel piccolo centro di Cersosimo, in provincia di Potenza. Questa mattina attorno alle ore 9 una guardia giurata ha infatti ucciso la moglie a colpi d’arma da fuoco e poi si è suicidato. L’omicidio-suicidio si è consumato nei pressi della scuola elementare del figlio della coppia, poco dopo che il bambino era entrato in classe.

Omicidio-suicidio a Cersosimo

Per motivi ancora da accertare Vincenzo Valicenti, 41 anni, ha infatti raggiunto la moglie, Angela Ferrara, 30 anni, che con la madre aveva appena accompagnato il figlio a scuola. Forse tra i due è nata una discussione, conclusa in maniera tragica. Improvvisamente infatti l’uomo ha estratto la pistola, probabilmente quella d’ordinanza, e ha sparato contro la donna, morta sul posto. Ferita anche la madre di Angela, soccorsa in breve tempo e trasportata con un’eliambulanza del 118 all’ospedale San Carlo di Potenza.

Stando alle ultime informazioni, non sarebbe in pericolo di vita.

Dopo l’omicidio della 30enne, Vincenzo Valicenti si è allontanato. Nonostante il pronto intervento delle forze dell’ordine, queste non sono riuscite ad evitare la seconda disgrazia. L’uomo infatti è ritornato presso la propria abitazione e ha rivolto contro se stesso l’arma che pochi minuti prima aveva usato per freddare la moglie. Quando raggiunto, per il 41enne non c’era più niente da fare. Sul caso stanno indagando i Carabinieri della Compagnia di Senise (Potenza) e del Comando provinciale del capoluogo lucano, che dovranno anche appurare i motivi all’origine dell’omicidio-suicidio.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche