×

Uomo trovato morto sui binari a Formia, rallentamenti al traffico ferroviario

Un uomo di origine marocchina è stato trovato morto sui binari a Formia. Il ritrovamento ha comportato rallentamenti nel traffico ferroviario.i

treno formia

Tragico ritrovamento a Formia, dove nella giornata del 6 novembre un uomo è stato rinvenuto morto sui binari della tratta ferroviaria Roma-Napoli. Per l’uomo, di origine marocchina, non c’era ormai purtroppo più nulla da fare e le autorità giunte sul posto non hanno potuto fare altro che disporre l’interruzione temporanea del traffico ferroviario.

Traffico che ha difatti subito rallentamenti nel corso della mattinata, per poi tornare regolare nel primo pomeriggio.

Uomo trovato morto sui binari a Formia, rallentamenti al traffico ferroviario

Il ritrovamento del cadavere dell’uomo è avvenuto intorno alle ore 10 di sabato 6 novembre a Formia, in provincia di Latina, lungo un tratto della linea ferroviaria Roma-Napoli. Al momento non sono state divulgate le generalità dell’uomo, e l’unico dettaglio noto sulla sua persona sono le origini marocchine.

A seguito del ritrovamento il traffico ferroviario è stato conseguentemente sospeso al fine consentire alle autorità giudiziare di fare effettuare il prelevamento della salma e i rilievi nella zona del rinvenimento. Attualmente è ancora da chiarire la dinamica effettiva della tragedia. Resta infatti da capire se l’uomo sia rimasto vittima di un tragico incidente o se invece abbia scelto di togliersi volontariamente la vita.

Uomo trovato morto sui binari a Formia, ritardi fino a 230 minuti

Nel frattempo RFI aveva fatto sapere che alcune tratte della linea erano state sospese e che al loro posto era stato attivato un servizio di autobus sostitutivi. Intorno alle 12:20 il traffico ha iniziato ad essere gradualmente riattivato, anche se i treni in viaggio hanno accumulato notevoli ritardi.

Sempre RFI ha comunicato infatti che i treni che hanno superato il tratto compreso tra Formia e Minturno avevano registrato maggiori tempi di percorrenza fino a 230 minuti.

Contents.media
Ultima ora