Vaccinazioni per bambini: quando e quali fare
Vaccinazioni per bambini: quando e quali fare
Salute

Vaccinazioni per bambini: quando e quali fare

vaccinazioni

Il sistema sanitario nazionale prevede l'obbligatorietà della maggior parte delle vaccinazioni. Ecco il calendario vaccinale aggiornato e suddiviso per anno di nascita.

Il tema è molto delicato, e vede scontrarsi due linee di pensiero pro e contro. Il piano vaccinazioni per bambini previsto in Italia prevede oramai l’obbligatorietà della maggior parte dei vaccini un tempo ritenuti facoltativi. In particolare, è stata da poco emanata una Circolare ministeriale sulle vaccinazioni obbligatorie per iscriversi a scuola.

Calendario vaccinazioni

Le vaccinazioni seguono un calendario specifico a seconda all’età dei bambini:
– da neonato, a 3 mesi di vita, il bimbo deve sottoporsi alla prima dose che include la vaccinazione anti-poliomelite (o Salk), l’antitetanica, l’anti epatite B e l’antidifterite. Nella stessa sede viene consigliata anche quella anti pertosse e anti haemophiuls influenzae B.
– a 5 mesi il neonato farà il richiamo del primo vaccino.
– tra gli 11 e i 12 mesi ci si vaccina con alla terza dose generica
– verso i 15 mesi, quindi indicativamente all’anno e mezzo, si potrà procedere al vaccino anti-morbillo, parotite e rosolia, il cosiddetto vaccino trivalente o MPR.
– prima di andare alle scuole elementari, si farà un’altro richiamo della trivalente e della difterica
– è molto probabile che per mantenere nel tempo adeguati livelli di protezione sia necessaria un’altra dose durante l’adolescenza.

Informazioni

Il Piano Nazionale Vaccini ha introdotto di recente ben 3 nuove somministrazioni: si tratta di anti varicella, anti pneumococco e anti meningococco.

Inizialmente, saranno le Aziende Sanitarie Locali a inviare una lettera di invito e di memo per presentarsi per la prima vaccinazione, dopo di che verrà rilasciato dagli addetti medici il libretto personale del bimbo dove vengono segnate tutte le vaccinazioni fatte. Si consiglia sempre ai neo genitori di prendere visione di come vengono somministrati e con quali eventuali rischi.

Novità

La recentissima e nuova Circolare ministeriale dell’8 giugno 2017 vieneemanata in applicazione del Decreto relativo all’obbligo vaccinale. Distingue l’obbligatorietà vaccinale in base all’anno di nascita dei bambini. In particolare, i bambini nati nel 2013 dovranno eseguire le 4 vaccinazioni già obbligatorie, e cioè antitetanica, antidifterica, antipoliomelitica Salk, antiepatite B. Inoltre MPR, antipertosse, Hib e antimeningococcica. In generale, ai nati dal 2001 al 2016 devono essere somministrate le vaccinazioni contenute nel Calendario Vaccinale Nazionale relativo a ciascun anno di nascita. Precisamente:

i nati dal 2001 al 2004 faranno (ove non abbiano già provveduto) le quattro vaccinazioni già imposte per legge (anti-epatite B; anti-tetano; anti-poliomielite; anti-difterite) e l’anti-morbillo, l’anti-parotite, l’anti-rosolia, l’anti-pertosse e l’anti-Haemophilus influenzae tipo b, raccomandate dal Piano Nazionale Vaccini 1999-2000;

• bimbi nati dal 2005 al 2011, devono effettuare, oltre alle quattro già imposte, anche l’anti-morbillo, l’anti-parotite, l’anti-rosolia, l’antipertosse e l’anti-Haemophilus influenzae tipo b, previsti dal Calendario vaccinale incluso nel Piano Nazionale Vaccini 2005-2007;

i nati dal 2012 al 2016, oltre alle quattro vaccinazioni già imposte, faranno anche l’anti-morbillo, l’anti-parotite, l’anti-rosolia, l’anti-pertosse.

Poi l’anti-Haemophilus influenzae tipo b e l’anti-meningococcica C, previste dal Calendario vaccinale incluso nel Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale 2012-2014.

I nati dal 2017, oltre alle solite quattro vaccinazioni già imposte per legge, avranno anche l’anti-morbillo, l’anti-parotite, l’anti-rosolia, l’anti-pertosse, l’anti-Haemophilus influenzae tipo b, l’anti-meningococcica C, l’antimeningococcica B e l’anti-varicella, previste dal Calendario vaccinale incluso nel nuovo Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale 2017-2019.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche