Genitori devono prendere i figli a scuola, lo annuncia Valeria Fedeli
Valeria Fedeli, il ministro dichiara: “I genitori devono andare a prendere i figli a scuola”
Lifestyle

Valeria Fedeli, il ministro dichiara: “I genitori devono andare a prendere i figli a scuola”

Valeria Fedeli

Valeria Fedeli dichiara che è obbligatorio per i genitori andare a prendere i figli all'uscita da scuola sino al compimento dei 14 anni, "lo dice la legge!"

Valeria Fedeli, Ministro della Pubblica Istruzione ha dichiarato che per legge i genitori devono andare a prendere i figli a scuola. Si tratta di una legge poco conosciuta ma esistente, riportata in auge da una recente sentenza della Cassazione. Secondo quanto dichiarato dalla Ministra Valeria Fedeli, gli studenti con meno di 14 anni dovrebbero sempre essere accompagnati da un adulto all’uscita da scuola. Le dichiarazioni della Ministra Valeria Fedeli hanno presto alimentato un’aspra polemica.

Valeria Fedeli, dichiarazioni

Come spesso è già avvenuto, la ministra Valeria Fedeli con le sue ultime dichiarazioni ha alimentato una nuova polemica. Questa volta teatro delle esternazioni di Valeria Fedeli è stata la trasmissione televisiva Tagadà. La ministra Fedeli è stata intervistata dalla conduttrice del programma di La7. Alla domanda: “E anche lei non farebbe tornare a casa da soli i suoi nipoti sotto i 14 anni?” Valeria Fedeli ha risposto: “Io sono una persona che per cultura rispetta le leggi e quindi sì.

Vero, è giusto sperimentare l’autonomia dei ragazzi ma si può fare anche di pomeriggio, non necessariamente nel percorso casa-scuola-casa. E se i genitori non possono perché sono impegnati al lavoro ci vadano i nonni. I miei nipoti sono piccoli, e non ci riesco mai, ma è così piacevole per noi nonni farlo”.

La sentenza della cassazione

La legge a cui ha fatto riferimento la Ministra Valeria Fedeli, è una legge, tutt’ora esistente, ma conosciuta da pochi. Secondo Valeria Fedeli è fondamentale applicare tale legge, per garantire la salute dei ragazzi all’uscita da scuola. La legge è stata riportata in auge da una recente sentenza della Cassazione relativa a un incidente avvenuto 15 anni fa. Nella sentenza sono stati condannati il preside e l’insegnante dell’ultima ora di una scuola, per non aver affidato a un adulto uno studente che è morto investito da un bus all’uscita di scuola.

La legge

Stando a quanto esternato da Valeria Fedeli, secondo la legge, fino alle scuole medie i bambini non possono tornare a casa da soli. Dunque i genitori hanno l’obbligo di andare a prendere i propri figli da scuola, quando hanno meno di 14 anni. Per nessun motivo i genitori possono venire meno a questo obbligo. Secondo Valeria Fedeli anche se i ragazzi già conoscono la strada di casa e possono muoversi autonomamente, è sempre necessario l’accompagnamento di un adulto. Queste le parole della Ministra Valeria Fedeli, che non lasciano spazio a libere interpretazioni: “Questa è la legge e deve essere rispettata. I genitori devono esserne consapevoli“.

Le polemiche

Le dichiarazioni della sinistra dell’Istruzione Valeri Fedeli hanno acceso in poco tempo un’aspra polemica. Dopo la sentenza della Cassazione, non sono state poche le scuole corse ai ripari. Diversi istituti scolastici hanno deciso di pubblicare nuovi regolamenti interni. L’obiettivo è stato quello di regolamentare in maniera dettagliata la faccenda, imponendo la riconsegna degli studenti all’uscita da scuola solo nelle mani di un adulto. Le polemiche si sono scatenate soprattutto perché molto spesso i genitori sono impossibilitati per motivi di lavoro a prendere i figli da scuola. A questo si aggiunge che altrettanto spesso i nonni abitano in un’altra città e non potrebbero assolvere a questo compito, come suggerito dalla Ministro Valeria Fedeli.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche