Buffon annuncia il ritiro nel 2018: ‘Dopo il mondiale calerò la saracinesca’ COMMENTA  

Buffon annuncia il ritiro nel 2018: ‘Dopo il mondiale calerò la saracinesca’ COMMENTA  

Ha lasciato tutti di stucco la dichiarazione rilasciata da Gigi Buffon, durante la cerimonia per la consegna del premio ‘Gianni Brera‘ come sportivo dell’anno, svoltasi nella cornice del Teatro Dal Verme. Nel corso di un botta e risposta con il d.s bianconero, Marotta, Buffon ha parlato del suo possibile ritiro dalle scene: “Se riuscirò a spingermi fino al Mondiale, andrò avanti. Poi calerà la saracinesca“. Il portierone della nazionale compirà 38 anni giovedì prossimo, e ha parlato dei Mondiali in Russia che si svolgeranno nel 2018 e della sua Juventus, impegnata in un duro testa a testa per lo scudetto con il Napoli.


“E’ una Juve che sta sicuramente vivendo un momento eccezionale, perché 11 vittorie consecutive non le fai se non sei al massimo della forma psicofisica. Però, come in tutte le cose, bisogna stare molto attenti perché anche i record e le strisce di vittorie sono destinate prima o poi a finire, per cui dobbiamo cercare di allungare il più possibile questa striscia per cercare di mettere del fieno in cascina per i percorsi più bui”.

Secondo Gigi Buffon, la lotta scudetto non sarà solo una sfida tra partenopei e bianconeri, anche perchè avversarie quotate come Roma e Inter, non sono distanti in classifica e avrebbero le risorse per tornare in corsa: “Non si può dire che sia un discorso a due – ha dichiarato Buffon – perché quest’anno ci sono stati parecchi colpi di scena e non c’è mai stata una squadra, che ha dominato e capeggiato la graduatoria per lungo tempo.

Per cui credo che le due squadre che adesso sono davanti lo sono meritatamente“.

Buffon ha anche parlato dell’exploit di Dybala, vera e propria rivelazione stagionale, che sta contribuendo a suon di gol all’ottima stagione bianconera: ‘ Questo è un qualcosa che sorprende tutti, perché in pochissimo tempo si è un po’ appropriato della fase realizzativa e finalizzativa della squadra‘.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*