Aggressione a tifosi Juve: 7 feriti, indagati ultras Napoli

Cronaca

Aggressione a tifosi Juve: 7 feriti, indagati ultras Napoli

aggressione

La Questura di Frosinone ha convalidato 3 arresti a danno degli ultras del Napoli, che nella notte del 15 Maggio scorso hanno aggredito 7 tifosi juventini alla stazione di servizio "La Macchia Ovest".

Sono 3 gli ultras del Napoli indagati per l’aggressione avvenuta lo scorso 15 Maggio alla stazione di servizio “La Macchia Ovest” ad Anagni, a danno di alcuni sostenitori della Juve. Infatti, nelle ultime ore la Questura di Frosinone ha convalidato i 3 arresti domiciliari e le autorità stanno portando avanti le indagini al fine di scoprire l’identità degli altri autori del violento pestaggio.

La dinamica del pestaggio

Il pestaggio ha avuto luogo presso la stazione di servizio “La Macchia Ovest”, in seguito al termine dal match disputato tra Roma e Juventus allo Stadio Olimpico. Intorno alle 2 di notte, mentre erano diretti a Brindisi dopo sconfitta della Juve, i sette tifosi bianconeri hanno sostato all’area di servizio per fare rifornimento e tre di loro sono stati brutalmente aggrediti da un gruppo di ultras del Napoli. Poi anche gli altri 4 juventini sono stati coinvolti nel pestaggio.

Si tratterebbe di una quindicina di supporter napoletani arrivati con sei mezzi, che hanno partecipato al pestaggio e distrutto il furgone degli juventini.

Infatti non si sarebbero limitati ad aggredire i tifosi avversari, ma avrebbero rotto i vetri del mezzo e lanciato al suo interno dei fumogeni.

Un’aggressione in piena regola che sarebbe durata pochi minuti e che ha spinto il personale che in quel momento era presente nella stazione di servizio, a rifugiarsi all’interno della struttura. In seguito i testimoni presenti hanno l’allarme alle autorità competenti, Polizia e ambulanze che sono intervenute sul posto per verificare le situazione e soccorrere i 7 tifosi. Le vittime, al momento dell’accaduto, non avrebbero riportato gravi danni e lesioni, ma sono stati trovati in stato di forte shock.

Oggi l’intervento della Polizia di Frosinone che, in un’operazione guidata dagli uomini della Digos della Questura e della Sottosezione Polizia Stradale di Frosinone, hanno convalidato gli arresti domiciliari per 3 degli aggressori. E’ in corso l’avanzamento delle indagini e la ricerca degli altri protagonisti del pestaggio: seguiranno ulteriori aggiornamenti.

Purtroppo si tratta dell’ennesimo episodio di violenza e minacce tra tifosi nel mondo del calcio.

Solo 10 giorni prima della vicenda in esame, a Roma erano stati appesi 4 manichini, di cui 3 con la maglia di 3 giocatori della Roma, ed uno striscione che riportava la scritta “Un consiglio senza offesa, dormite con la luce accesa”. Ciò era avvenuto in seguito al derby Roma-Lazio, in cui era stata la squadra giallorossa a perdere. Una minaccia che ha fatto indignare molti e che ha scatenato molte polemiche. Gli autori avevano confessato il fatto: si trattava degli Irriducibili della Curva Nord della Lazio, i quali avevano giustificato il fatto come un “sano sfottò”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche