Arriva la carta di internet, accesso al web diritto fondamentale COMMENTA  

Arriva la carta di internet, accesso al web diritto fondamentale COMMENTA  

Dopo un anno di lavoro della commissione, incluse raccolta di opinioni di esperti e semplici cittadini, qualche sondaggio e, soprattutto, lo studio attento di un’impostazione che individuasse in modo chiaro lo spirito del documento, è stata ieri resa nota dal Parlamento, alla presenza della Presidente della Camera Laura Boldrini e del professor Stefano Rodotà, la Carta dei Diritti e dei Doveri di Internet.


Per la prima volta, almeno in Italia, si emette un documento che inquadra il mondo del web dal punto di vista di una visione generale e di un insieme di principi fondamentali dai quali sarà possibile, in futuro, trarre spunto per la stesura di decreti e regolamenti specifici.


La Carta stabilisce, ad esempio, che l’accesso a internet è un diritto fondamentale (art. 2). “Ogni persona” si legge poi nel successivo art. 3 “ha diritto ad essere posta in condizione di acquisire e di aggiornare le capacità necessarie ad utilizzare Internet in modo consapevole per l’esercizio dei propri diritti e delle proprie libertà fondamentali”.

Altrove si ribadisce l’importanza del concetto della net neutrality, già promosso di recente dalla Corte USA, in base al quale i fornitori dell’accesso al web non possono stabilire velocità preferenziali per alcuni contenuti a scapito di altri.


Massima attenzione, anche, alla tutela della privacy, con l’art. 7 “Diritto all’inviolabilità dei sistemi, dei dispositivi e domicili informatici” e riproposizione del diritto all’oblio (art.

L'articolo prosegue subito dopo

11).

 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*