Auto nuove, non si paga bollo per tre anni COMMENTA  

Auto nuove, non si paga bollo per tre anni COMMENTA  

traffico-638x425

Via libera alla discussione in Aula di una proposta di legge il cui firmatario è l’onorevole Capezzone, presidente della Commissione Finanze della Camera. Ecco in sintesi la proposta: chi acquista adesso un automobile nuova non pagherà il bollo per tre anni, che diventano cinque se invece l’auto è “green”. Decorso tale lasso di tempo, si dovrà pagare una tassa commisurata alle effettive emissioni, quindi chi più inquina più paga. Il livello di deducibilità sale al 40% per le auto aziendali a basso impatto ambientale. La proposta Capezzone è il chiaro inizio di una progressiva eliminazione del bollo auto, che è una delle tasse più odiate dagli italiani.

Leggi anche: Giornata mondiale contro l’AIDS: quasi 4000 casi nel 2015

Questo è un ulteriore passo, dichiara Capezzone, verso un nuovo rapporto tra Fisco e contribuenti, ovviamente a favore dei cittadini. Il bollo è un tributo regionale, ed alcune regioni italiane come la Lombardia hanno già sperimentato qualcosa di simile. Ora però la proposta di legge interesserà tutta l’Italia, ed ha il preciso obiettivo di premiare i modelli a basso impatto ambientale. L’onorevole Capezzone incontrerà la Filiera dell’automotive a Palermo nel fine settimana per chiedere supporto in questa sua iniziativa.

Leggi anche: Terra vista dallo spazio: stazione orbitale in diretta

Leggi anche

messaggio_ricevuto
News

3 Dicembre 1992: 23 anni fa il primo sms della storia

Oggi si celebra il 23° “compleanno” degli sms. Infatti 23 anni fa, il 3 Dicembre 1992, veniva inviato il 1° messaggio della storia: “Merry Chrismas”, un auguro per il Natale ormai non troppo lontano. Lo spediva ad un collega un ingegnere inglese di nome Neil Papworth, che lavorava alla Vodafone. Ma non era ancora possibile inviarlo da un telefonino all’altro, così Papworth dovette usare il proprio personal computer. Si dovette attendere ancora un anno per fare altrimenti: lo fece un ragazzo finlandese, Riku Pihkonen, che era impegnato in uno stage alla Nokia. Il successo mondiale degli sms, in particolare tra gli adolescenti, si ebbe Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*