Come sapere se i broccoli sono buoni

Come sapere se i broccoli sono buoni

Cucina

Come sapere se i broccoli sono buoni

I broccoli contengono buoni principi vitaminici. Dopo aver acquistato i broccoli freschi, consumali entro tre giorni. Hanno anche molte proprietà benefiche.

Ricchi di sali minerali, come calcio, ferro, fosforo e potassio, vitamina C, E, B1 e B2, fibra alimentare, tiossazolidoni, sostanze efficaci nella cura della tiroide, i broccoli, sempre molto buoni, hanno però una vita breve di stoccaggio. La produzione richiede un controllo prima di consumarlo per determinare se l’ortaggio è ancora buono. All’acquisto, scegliere i broccoli con cima stretta, foglie verdi e gambo solido; la cime secca o la presenza dei fiori, indicano la vecchiaia del prodotto; le foglie devono essere carnose e croccanti quando si rompono. Il consumo di broccoli non buoni può far ammalare. Basta seguire questa procedura per determinare se i broccoli non sono più buoni.

Capire se il broccolo è buono

1. Esaminare i fiori sui broccoli. Se i fiori sono di colore giallo invece che verde allora hanno cominciato a deteriorarsi. I broccoli freschi appariranno di colore verde scuro.

2. Guardare i broccoli con attenzione per verificare se ci sono segni di muffa.

La muffa apparirà come aree di scolorimento sul prodotto. Eliminare i broccoli immediatamente se si nota muffa.

3. Toccare i broccoli. Evitare broccoli che appaiono morbido o scivolosi, perché questo indica deterioramento.

4. Odorare i broccoli da vicino. Se notate un odore strano o cattivo, scartare i broccoli poichè questo indica che è andato a male.

Note

Refrigerare i broccoli in sacchetti di plastica nel cassetto frutta e verdura dopo l’acquisto. Evitare di cuocere troppo i broccoli, perché influenzerà il gusto, il colore e la consistenza del prodotto. Evitare di lavare il broccolo prima di riporlo – l’umidità supplementare promuove la crescita di muffe.

Le proprietà del broccolo

Questo ortaggio ha potere antianemico, emolliente, diuretico, cicatrizzante, depurativo, vermifugo e aiuta a combattere la ritenzione idrica. Combattono anche l’irritabilità, il nervosismo e l’osteoporosi. Sono una fonte di acido folico e prevengono le malattie cardiache. Riducono il rischio di cataratta e ictus, combattono gastriti e ulcere.

Infine sarebbero un eccellente rimedio contro le affezioni polmonari, asma e problemi respiratori in genere.
I broccoli devono essere evitati, o assunti con moderazione, da coloro che soffrono di ipertiroidismo, ipertensione, sindrome del colon irritabile, hanno generalmente il valore del ferro elevato nel sangue o stanno seguendo cure anticoagulanti. Generalmente viene consumato lessato o al vapore, per mantenerne le proprietà, oppure può essere unito a pasta e legumi e viene utilizzato per creme e torte salate.

Curiosità sul broccolo

Il broccolo è un ortaggio che ha pochissime calorie (27 per 100 grammi) e viene spesso consumato nelle diete ipocaloriche. È un ortaggio simile a un piccolo alberello e viene coltivato principalmente in Europa. Importato in Italia dai Romani veniva consumavano crudo prima dei pasti per assorbire meglio il vino bevuto durante i loro banchetti. L’unico elemento negativo dell’ortaggio è lo sgradevole odore emanato durante la cottura: esso è dovuto allo zolfo contenuto in discrete quantità.

Per evitare il cattivo odore si consiglia di spremere un limone nell’acqua di cottura.

Ricetta: pesto di broccoli

Ingredienti:
– 700 grammi di broccoli;
– 20 grammi di pinoli;
– 20 grammi di mandorle;
– 1 ciuffo di basilico;
– 10 grammi di pecorino;
– 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva;
– sale q.b.;
– 10 gherigli di noci;
– 4 pomodori secchi.

Preparazione. Tagliare e lavare le cime dei broccoli e farle cuocere al vapore per 7 minuti. Mettere quindi i broccoli in una ciotola insieme a 20 grammi di pinoli, un ciuffetto di basilico, 10 grammi di pecorino e 20 grammi di mandorle. Tritare tutto con un mixer aggiungendo il sale e l’olio. Tritare fino ad ottenere una crema omogenea. Il pesto di broccoli è pronto: se ne avanza riporlo in una ciotola coprendo con un filo di olio, così da farlo durare altri due giorni.
Per chi volesse provare un gusto più ricco può scegliere la variante di pesto di broccoli che prevede l’aggiunta nel mixer di una decina di gherigli di noci e di 4 pomodori secchi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche