Come utilizzare la candeggina per fermare il prurito COMMENTA  

Come utilizzare la candeggina per fermare il prurito COMMENTA  

La candeggina è conosciuta per molti usi diversi. Oltre ad essere un detergente universale e un disinfettante, può anche essere utilizzata per trattare le punture d’insetto e determinate condizioni mediche, come l’eczema.

Quando la candeggina viene applicata direttamente su una puntura d’insetto, le tossine provenienti dall’insetto vengono immediatamente neutralizzate e il prurito cessa. In caso di eczema cronico, mettendo della candeggina in dell’acqua si uccidono i microbi presenti sulla pelle che causano infezioni e questo, a sua volta, allevia il prurito. 

Cose necessarie:

  1. Tamponi di cotone o un panno
  2. Candeggina

Istruzioni per l’utilizzo  della candeggina in caso di punture d’insetto:

  1. Immergere un tampone di cotone o un panno piccolo direttamente nella candeggina per uso domestico non diluita.
  2. Tamponare la puntura con la candeggina.

    Assicurarsi di tamponare l’intera zona interessata.

  3. Tenere il tampone o il panno imbevuto di candeggina direttamente sulla puntura per circa 5 secondi.
  4. Lasciare asciugare l’area.

    Si dovrebbe notare da subito un miglioramento.

Istruzioni per l’utilizzo della candeggina in caso di eczema:

  1. Riempire la vasca da bagno di acqua calda.
  2. Versare nella vasca 1/4 di tazza di candeggina per uso domestico.
  3. Entrare nella vasca e immergersi nella soluzione di candeggina per approssimativamente 20-30 minuti.
  4. Uscire dalla vasca ed asciugarsi.

    L'articolo prosegue subito dopo

    Non c’è bisogno di risciacquare.

 

 

 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*