Disabili, nasce nuova figura professionale di assistente sessuale

Attualità

Disabili, nasce nuova figura professionale di assistente sessuale

130204210-a45e4a39-d4dc-4ef2-b6b6-60eb0a43911c

Il sesso è una dimensione naturale che non va negata a nessuno. Anche chi ha una disabilità fisica o psichica ha il diritto di vivere la propria sessualità senza frustrazione. Per questo, in Italia per la prima volta, sono stati organizzati a Bologna e a Firenze dei corsi professionali per formare figure specifiche, gli assistenti sessuali ai disabili. I percorsi formativi partiranno in autunno, intanto sono già cominciate le selezioni: le candidature sono circa sessanta in tutto.

Tra gli aspiranti corsisti ci sono soprattutto donne. Alla base c’è, per tutti coloro che si candidano a svolgere questa particolare professione, il desiderio di rendersi utile nei confronti di chi vive un disagio, fisico o psichico. I c.d. “love giver” non saranno mai fidanzati nel vero senso della parola, ma sensibilità, empatia e dialogo non mancheranno, anche se la relazione affettiva che eventualmente si instaurerà non avrà i canoni di un rapporto d’amore tradizionale.

Il corso sarà tenuto psicologi, medici e sessuologi.

Molti aspiranti assistenti sono laureati, ma la laurea non è un titolo preferenziale per l’esercizio della professione: determinanti sono, invece, la motivazione e un buon equilibrio personale ed emotivo. Una volta terminato il corso, gli assistenti formati potranno proporsi alle singole famiglie e potranno stabilire autonomamente termini, modalità e compenso dell’attività. Non è previsto inserimento nel sistema nazionale sanitario, né iscrizione ad albo professionale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche