Femminicidio e uomini violenti: nuovo appello della Boldrini COMMENTA  

Femminicidio e uomini violenti: nuovo appello della Boldrini COMMENTA  

laura boldrini

Laura Boldrini: “Uomini violenti non ci ridurrete mai a testa bassa. Arrendetevi”

Il 14 luglio Laura Boldrini inaugurerà a Montecitorio la “Sala delle Donne”.

Leggi anche: Seveso: strangolata in casa davanti ai figli

La presidente della camera afferma che era stanca di vedere solo busti di uomini autorevoli per i corridoi del palazzo. Anche le donne hanno fatto parte di queste istituzioni e di loro non c’è traccia a parte il busto di Matilde Iotti.

Leggi anche: I femminicidi più atroci degli ultimi anni

Così ha deciso di costruire questa sala, che conterrà le foto di tutte le prime donne a ricoprire cariche in parlamento. In più ci saranno 3 specchi per le cariche ancora mai ottenute da donne: “Così ogni ragazza che verrà qui avrà il diritto di pensare: la prima donna presidente della Repubblica, presidente del Senato, presidente del Consiglio potrei essere io“. Ha proseguito poi affermando che uomini e donne devono avere gli stessi dritti, tutti dovremmo adoperarci affinché questo avvenga e che quindi soprattutto gli uomini dovrebbero essere femministi.

Torna poi a parlare dei sempre più frequenti casi di femminicidio che avvengono in Italia e invita gli uomini violenti ad arrendersi: “Non ci ridurrete a testa bassa.

L'articolo prosegue subito dopo

Noi e le nostre figlie non vi consegneremo la nostra libertà. Il male che fate vi si ritorcerà contro».

Leggi anche

donald trump
Esteri

Cos’è successo di preciso fra Donald Trump, Taiwan e la Cina

Donald Trump si muove, secondo alcuni, come l’elefante nel negozio di cristalli. Il nuovo presidente USA già al centro di un caso diplomatico. Il neo eletto 45 esimo presidente degli Stati Uniti d’America Donald Trump ha già fatto infuriare la Cina. Non ancora insediato alla Casa Bianca (lo sarà a partire dalla metà del prossimo mese di gennaio), il tycoon sembrerebbe essere incappato in una gaffe diplomatica. O forse, come evidenziano alcuni commentatori, non si è trattato di una gaffe, ma di un comportamento cercato e voluto: di una provocazione ai danni di Pechino. La questione è molto semplice. Donald Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*