Genny Savastano: da Mc Donald’s a Gomorra COMMENTA  

Genny Savastano: da Mc Donald’s a Gomorra COMMENTA  

Genny Savastano

Salvatore Esposito, Genny Savastano in Gomorra questa mattina mattina ai microfoni di Radio Cusano Campus, ha presentato  il suo libro ” Non volevo diventare un Boss”

In attesa dei nuovi episodi di Gomorra e della terza stagione, Genny Stavano si racconta alla presentazione del suo libro.
Salvatore Esposito parla del suo libro, in uscita oggi per Mondadori, “Non Volevo Diventare un Boss”:  “La mia non è assolutamente una autobiografia, non è il racconto della mia vita, più che altro è un racconto del mio percorso, su quello che mi ha portato a realizzare il mio sogno. Il mio intento è quello di dire ai tanti ragazzi e ai tanti giovani che oggi non credono più nei loro sogni, non hanno speranza, non credono più a nulla, che nonostante tutte le difficoltà, nonostante il periodo di crisi, con volontà e caparbietà si possono realizzare i sogni. Ci vogliono tante componenti, ma bisogna crederci. E il mio messaggio va anche alle famiglie di questi ragazzi, spesso non supportati abbastanza”.

Così Salvatore ritorna indietro nel tempo e racconta gli ostacoli che ha trovato nella strada direzione successo:  “Gli ostacoli più ostici? Quelli sociali. Le difficoltà economiche, le difficoltà che affronta spesso chi nasce in determinate zone, abbandonate dalle istituzioni. Io ho avuto dalla mia una famiglia forte, una famiglia che mi ha sempre protetto e indirizzato verso la strada giusta. Tanti ragazzi purtroppo non hanno questa mia stessa fortuna e quindi prendono altre strade. Non è vero che in Italia è tutto chiuso, tutto fermo e tutto finto. Tanti ragazzi mi chiedono per strada come ho fatto a diventare un attore e io ci tengo a raccontargli che nonostante io provenga da una famiglia umilissima, dove lavora solo mio padre a parte me e fa il barbiere, con la volontà si può arrivare a realizzare i propri sogni. Poi serve anche un pizzico di fortuna: io mi sono fatto trovare pronto quando è passato l’unico treno”.

Salvatore  ha infine  rivelato poi dei dettagli della sua storia di vita personale: “Sono venuto a Roma a 24 anni, per mantenermi e pagarmi gli studi attaccavo i manifesti, ho fatto il cameriere, ho fatto volantinaggio. Ripeto, sono stato fortunato perché mi sono fatto trovare pronto quando è passato il mio unico treno. Ricordo Stefano Sollima che mi ha chiamato e mi ha detto che Genny ero io. E lì c’è stata davvero una esplosione di felicità, perché mi sono reso conto che i tanti sacrifici che ho fatto insieme alla mia famiglia non sono stati vani. Io non ero ai casting di Gomorra per fare il ruolo di Genny Savastano, ma per dare le battute agli attori che venivano provinati. Dopo è subentrata la questione Genny. E’ fondamentale avere il prima possibile le idee chiare su quello che si vuole fare nella vita. Già da bambino sognavo di fare l’attore. A 24 anni ho deciso di lasciare il MC Donald dove lavoravo e di trasferirmi a Roma per iniziare a studiare recitazione. Ho iniziato a 24 anni, ora sento tanti ragazzi che a 19 anni dicono di essere troppo vecchi…Non è mai troppo tardi, bisogna sempre crederci e lottare”.

L'articolo prosegue subito dopo

Leggi anche

About Chiara Cichero 1130 Articoli
Mamma, laureata, scrittrice incallita, ambientalista da una vita, esperta in Pnl, in comunicazione di massa e nel benessere emotivo. Maremmana per amore di questa terra tanto rigogliosa, fiorentina di nascita e di formazione. Blogger e redattrice on line, attualmente studentessa in Seo Web Marketing Specialist.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*