I graffiti più vecchi del mondo sono opera dell’Uomo di Neanderthal?

Europa

I graffiti più vecchi del mondo sono opera dell’Uomo di Neanderthal?

I disegni più vecchi mai conosciuti dall’uomo, e precisamente raffigurazioni di foche, potrebbero risalire addirittura a 43.500 anni fa. Un bel po’ di tempo più indietro rispetto a quello che pensavamo fino a poco tempo fa. Infatti i graffiti più antichi si facevano risalire a 32.000 anni fa.

Si pensava che le fantastiche caverne di Chauvet-Pont-d’Arc, nel Sud della Francia, ospitassero le più antiche testimonianze di arte raffigurativa umana, per mano dei nostri antenati del Paleolitico Superiore. Da allora alcuni bisonti testimoniano tale spirito artistico, immortalati per sempre nelle cave di Chauvet-Pont-d’Arc. Le cave prendono il nome dallo speleologo Jean-Marie Chauvet, il quale insieme ai colleghi Eliette Brunel-Deschamps and Christian Hillaire, scrisse abbondantemente sulla eccezionale scoperta avvenuta nel 1994.

Anche se la scoperta di lanosi mammut, bisonti ed altri animali disegnati in rosso ocra 32.000 anni fa è veramente eccitatante, lo è ancora di più la scoperta di disegni ancora più antichi, diciamo dai 42.000 a 43.500 anni fa.

Questi affreschi rupestri sono stati scoperti in Spagna nella Cava di Nerja, e sono state datate dal carbone ritrovato accanto ad esse.

La Cava di Nerja fu scoperta in origine da giovinastri a caccia di pipistrelli nel 1959, ma oggi è al centro di studi da parte del mondo della speleologia. La prima cosa da fare è datare il pigmento del disegno, che sarà analizzato nel 2013. Comunque, il carbone trovato vicino 6 dei disegni è stato già inquadrato, con il metodo del radiocarbonio, in un periodo che spazia da 42.000 a 43.500 anni fa. Ciò ha fatto pensare che fossero opera dell’Uomo di Neanderthal, cosa che sembrava una volta virtualmente impossibile agli studiosi. Ma se il Neanderthal non lasciò la Penisola Iberica fino a 37.000 anni fa, è senz’altro possibile che possa essere l’autore dei disegni delle foche.

Comunque, anche se i disegni fossero fatti risalire a più di 37.000 anni fa, Paul Pettit dell’Università di Sheffield dice, “Non possiamo essere assolutamente certi che l’Homo Sapiens non fosse presente nel sud della Spagna in quel periodo”. Quindi, anche se le foche risalissero a 43.500 anni fa, sarebbe ancora possibile che l’Homo Sapiens, invece che il Neanderthal, ne sia stato l’autore, ma ci sono ancora molti dettagli da valutare per risalire con maggior certezza all’autore di quelli che sono ora i graffiti più vecchi del mondo.

Sources: http://gizmodo.com/5883082/this-is-the-first-painting-humanity-ever-made
http://www.culture.gouv.fr/culture/arcnat/chauvet/en/
http://www.newscientist.com/article/dn21458-first-neanderthal-cave-paintings-discovered-in-spain.html

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche