Il Gabbiano – regia Antonio Syxty – 3/22 febbraio – Teatro Litta COMMENTA  

Il Gabbiano – regia Antonio Syxty – 3/22 febbraio – Teatro Litta COMMENTA  

ph_valentina_bianchi

Il Teatro Litta propone al suo pubblico il capolavoro di fine ‘800 Il Gabbiano, di Anton Pavlovic Čechov.
Scritto nel 1895, uno dei temi centrali trattati nel testo è rappresentato dal divario generazionale: l’incomprensione e l’inadeguatezza degli adulti nei confronti dei giovani, dei loro sogni e dei loro desideri. A distanza di 120 anni i giovani d’oggi si ritrovano ad affrontare le stesse difficoltà dei due protagonisti Kostja e Nina: l’inconsistenza di una generazione adulta che non nutre e non incoraggia i suoi figli, calpestati quasi involontariamente dall’ottusità e dall’inconsistenza dei vecchi.

In questa direzione si muove l’idea della messa in scena de Il Gabbiano per la regia di Antonio Syxty, che vedrà sul palcoscenico recitare vecchie guardie e giovani leve del teatro italiano.

Il Gabbiano, Litta produzioni di Anton Čechov – adattamento e regia Antonio Syxty – con Caterina Bajetta, Letizia Bravi, Gaetano Callegaro, Valentina Capone, Guglielmo Menconi, Livio Remuzzi (Premio Hystrio alla Vocazione 2014), Antonio Rosti – scenografia Guido Buganza – costumi Valentina Poggi – staff tecnico Ahmad Shalabi, Marcello Santeramo – disegno luci Fulvio Melli – assistente alla regia Libera Pota – foto di scena Valentina Bianchi
Konstantin Gavrilovič Treplev, figlio della celebre attrice Irina Nikolaevna Arkadina, ambisce a diventare scrittore per avere la gloria e coronare il suo desiderio d’amore con la giovane aspirante attrice Nina Michajlovna Zarečnaja, sua vicina di casa. All’aperto e in prossimità di un lago è montato un palcoscenico sul quale Konstantin vuol rappresentare un suo lavoro teatrale interpretato proprio da Nina. La madre di Konstantin, Irina Arkadina, con i suoi commenti inopportuni e fuori luogo, interrompe la rappresentazione facendo infuriare il figlio. In seguito a questo insuccesso anche Nina viene frustrata nelle sue aspirazioni interpretative e finisce per andarsene a Mosca e diventare l’amante segreta di Boris Alekseevič Trigorin, letterato alla moda e a sua volta amante di Irina.

Scritto nel 1895 da Anton Pavlovic Čechov è considerato un capolavoro del teatro di fine ‘800.
Antonio Syxty
Nato a Buenos Aires, lavora a Milano dalla fine degli anni ‘70. Inizia come performer nelle gallerie d’arte e spazi “underground“ , collaborando con altri artisti, designer, architetti e musicisti di quel periodo. Dopo aver studiato in corsi di Art and Drama negli Stati Uniti tra il 1975 e il 1976, ha iniziato a realizzare alcune art-performance tra il 1977 e il 1984. Negli anni ’80, dopo aver frequentato la Scuola del Piccolo Teatro, la sua carriera si sposta progressivamente verso il teatro, che lui considera come un’arte comportamentale, “con derive ed espansivi dovute allo scambio di identità, agendo sui concetti di verità e falsità”. Da allora il suo lavoro si sposta sulla professione di regista per il teatro, il cinema, la televisione, la radio, con frequenti progetti di installazione video ed eventi live, sostenendo di essere un regista di spazi e comportamenti. Ha anche lavorato come regista per la RAI e per il gruppo Mediaset, per la pubblicità, per i film istituzionali, per la moda, i concerti e qualsiasi altra forma di evento dal vivo. Attualmente è co-direttore artistico e regista residente del Teatro Litta. Dal 2007 ha ripreso la sua attività di artista visivo con un progetto chiamato Money Transfer.

L'articolo prosegue subito dopo

Dalle note di regia
“In questo adattamento de Il Gabbiano di Čechov -per soli 7 personaggi- sono rimasti “in vita” solo i personaggi principali dell’intera vicenda senza perdere la possibilità di sviluppo dei temi contenuti nel dramma del grande scrittore russo, da quello amoroso a quello generazionale dell’incomprensione e della disillusione. Come spesso accade nei drammi di Čechov il tema si rifrange in una moltitudine di situazioni e dinamiche che finiscono per accomunare tutti i personaggi implicati nella vicenda. I personaggi -qui sopravvissuti- in realtà contengono le note musicali proprie di tutti gli altri personaggi considerati spesso “di contorno”. E parlando di Čechov in qualità di compositore dell’anima -come io sono convinto che sia- in questo adattamento, ho voluto usare principalmente le musiche di Max Richter un compositore e musicista britannico di grande talento, in modo da poter fare da contrappunto a quelle emozioni che i personaggi esprimono nel dipanarsi delle loro vite sulla scena. Il tema principale è quello dell’abbandono e Richter riesce a interpretarlo in modo magistrale se viene accostato a Čechov, per me autore impareggiabile. In questa messa in scena lo scopo è quello di sondare il mistero che accomuna la creazione artistica all’amore che si dissolve quasi sempre in una forma continua di abbandono di tutti verso tutti. Per questo motivo voglio dedicare questa messa in scena “A Maša, sola e abbandonata, che non si sa perché vive su questa terra”. Come lei stessa dice allo scrittore Trigorin all’inizio del III atto.”

INFORMAZIONI
Sala Teatro Litta – Repliche: da martedì al sabato ore 20:30 – domenica ore 16:30 – lunedì riposo – Durata: 100′ – Biglietti: intero €21, ridotto €11/15 – Abbonamenti: Lunatica – Invito a Teatro

ABBONAMENTO LUNATICA
Carta non nominale, libera, a scalare, valida per tutti gli spettacoli in cartellone della stagione serale (escluse recite straordinarie, festa di Capodanno, festival, teatro ragazzi, rassegne e linea Apache).
Convenzioni – www.teatrolitta.it

BIGLIETTERIA
C.so Magenta 24, Milano
– ritiro biglietti lunedì/sabato – 18:00/20:00
– informazioni e prenotazioni telefoniche lunedì/sabato – 14:30/19:30 – 02.86.45.45.45
– prenotazione mail promozione@teatrolitta.it
– prevendita online biglietti e abbonamenti sono acquistabili sul sito e nei punti vendita Vivaticket

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*