Italia-Brasile, partita ad alta tensione COMMENTA  

Italia-Brasile, partita ad alta tensione COMMENTA  

La partita tra Italia e Brasile, programmata per oggi, è un match ad alto rischio. Salvador de Baia, la città in cui si gioca la sfida tra i verde oro e gli azzurri è completamente blindata, mentre al di fuori, oramai in tutto il Brasile, divampano violentemente gli scontri tra i manifestanti e le forze dell’ordine. Le autorità del Brasile temono fortemente per l’incolumità delle squadre impegnate nella Confederations Cup.


Per questo motivo è stata triplicata la scorta nei confronti dei giocatori italiani. Poche ora fa circolava una voce (poi subito smentita) che la Nazionale italiana intendesse ritirarsi dal torneo, ma Albertini sottolinea che questo non succederà, e che i sistemi di sicurezza dovrebbero garantire il regolare svolgimento della partita di stasera.


Più volte però i manifestanti hanno cercato di portare gli scontri sotto agli stadi (la protesta nasce infatti dalle spese eccessive che il Governo sta sostenendo in vista dei Mondiali di calcio 2014), ma questo non dovrebbe accadere oggi, visto che è tutto blindato e c’è polizia ovunque.

Intanto tutti i familiari dei giocatori sono tornati in Italia per sicurezza. In Brasile sono rimasti solo la fidanzata di Balotelli e la compagna di Prandelli.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*