Kelburn Castle, salvato dalla street art COMMENTA  

Kelburn Castle, salvato dalla street art COMMENTA  

Non so nemmeno cosa sto guardando, ma mi piace.

Da qualche parte in Scozia si erge Kelburn Castle, un castello a rischio distruzione trasformato in gioiello mondiale della street art.

Chi l’ha detto che i luoghi abbandonati siano tutti oscuri e terrificanti?

Si, certo, se siete nostri fan in questo momento state probabilmente alzando un sopracciglio. D’altra parte, è vero, quasi tutti i luoghi di cui parliamo sono più simili alla location di un film dell’orrore che a qualcosa uscito da una fiaba. Ma per smentire quel luogo comune, oggi vi presentiamo Kelburn Castle.

Kelburn Castle

Kelburn Castle è uno degli edifici più antichi della Scozia. Costruito nel tredicesimo secolo, è ancora oggi considerato la sede ufficiale del conte di Glasgow, ed è stato posseduto per centinaia di anni dalla stessa famiglia. Il castello, in realtà una casa ampliata più volte nel corso dei secoli, è quasi un pezzo di storia scozzese per la sua importanza culturale, e uno dei possedimenti più amati dalla famiglia del lord.

Leggi anche: La Posada del Sol: hotel stregato e dimenticato a Città del Messico


Allora perché sembra uscito da un fumetto?

Kelburn Castle

La storia del castello lo fa sembrare un posto molto più serio di quanto la facciata faccia pensare: storia, nobiltà e governo che si intrecciano tra le sue mura. Ma nel 2007, esperti consultati dalla famiglia avevano avvertito che bisognava rimuovere la copertura in cemento costruita nel 1950, o si rischiavano danni alla struttura portante. Questo voleva dire abbandonare il castello e rifarne l’intera facciata.

Leggi anche: Il castello di Dracula è in vendita


Kelburn Castle

Lord Patrick Robin Archibald Boyle, Decimo Duca di Glasgow, chief del Clan Boyle e tipico nobile dal nome lungo come un treno, ricevette una proposta dai suoi figli: visto che il castello era da rinnovare completamente, tanto valeva lasciare a qualche artista di strada una possibilità unica. Il lord approvò, e furono chiamati Nina, Nunca e i fratelli Os Gêmeos dal Brasile per un progetto tra i più anarchici del Regno Unito.


Kelburn Castle

In origine, il progetto era stato pensato come un’installazione artistica temporanea da rimuovere dopo tre anni, per poi far partire i lavori di rinnovo. Ma il successo tra il pubblico fu incredibile, tanto da farla considerare uno dei più grandi capolavori della street art mondiale. La gente si oppose alla sua rimozione, e i graffiti rimasero dove si trovavano.

L'articolo prosegue subito dopo


Kelburn Castle

Ora la casa e il suo giardino sono stati aperti al pubblico, e si possono visitare comodamente. Ma è meglio fare in fretta. Il problema originale è ancora li, e gli esperti continuano a fare pressione affinchè il governo locale si decida a rimuovere i graffiti e riparare tutto prima che sia troppo tardi.

1 / 8
1 / 8
  • Chi l'ha detto che il Regno Unito è tutto grigio?
  • Una torre laterale trasformata in una testa trasformata in una mongolfiera.
  • Tutto realizzato con bombolette e fantasia.
  • Un anziano abitante del luogo, un non tanto anziano abitante del luogo, e dei giovani graffiti.
  • Un piccolo sprazzo di Brasile surreale.
  • Un cielo blu e un palazzo multicolore.
  • A volte i graffiti sono un po' slavati, ma sempre surreali.
  • Non so nemmeno cosa sto guardando, ma mi piace.

Leggi anche

Località con neve a Roma
Viaggi

Località con neve a Roma

Se volete trascorrere le festività immersi nella neve allora potete scegliere tra una di queste località vicino a Roma. Per chi ama sciare o semplicemente avete voglia di immergervi in un paesaggio innevato, dovete sapere che nelle vicinanze di Roma, vi sono molte località sciistiche. Campo Felice è una delle mete più ambite in inverno ed è ben fornita con scuole di sci, snowpark e ben 14 impianti di risalita. Si trova in provincia dell'Aquila, precisamente a Rocca di Cambio. E da Roma è raggiungibile dall'autostrada A24. Potrete osservare il fantastico paesaggio circondato da vette come il Gran Sasso, Monte Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*