Maria De Filippi a Giovanni Mazzorano: sei un ciarlatano

Gossip e TV

Maria De Filippi a Giovanni Mazzorano: sei un ciarlatano

Tu sì que vales o tu sì que non vales? Questo è il problema! La De Filippi si infuria con il concorrente Giovanni Mazzorano che promette fidanzamenti magici

La conduttrice più amata dagli italiani proprio non ci sta: durante le registrazioni della scorsa puntata del programma del prime time del sabato sera di Canale 5, infatti, si è presentato al cospetto dei giudici un concorrente, Giovanni Mazzorano, che prometteva di far trovare l’amore a chi si rivolgeva a lui, grazie a non meglio specificati poteri.

Agghindato con una parrucca riccia e bionda ed un pomposo costume,“ Mazzorano ha provato le sue “doti” su Teo Mammuccari, ma la De Filippi è sbottata, dandogli del ciarlatano ed accusandolo di prendersi gioco della gente disperata.

Maria non si è proprio risparmiata, soprattutto dopo che il concorrente le ha confermato di percepire dei compensi in denaro per i servigi resi ai suoi clienti, perché “il lavoro si paga” e aggiungendo che anche la conduttrice prende dei soldi per star seduta a giudicare i partecipanti al talent show.

Punta sul vivo e spalleggiata dalla “voce” del pubblico Mara Venier, oltre che da Rudy Zerbi, la De Filippi ha ovviamente deciso che per lei il 60enne neo-Cupido “non valeva” e la platea di “Tu sì que vales” le ha dato ragione con più del 90 % dei voti: memori di fattacci saliti alla ribalta delle cronache negli anni scorsi, come quello di Wanna Marchi, – solo per fare l’esempio più famoso e controverso -, non ci stupiamo affatto della reazione piccata della regina di Mediaset, anche se, – va detto -, non tutti gli spettatori sui social sono stati dalla sua parte… Alcuni commenti sono stati davvero caustici ed hanno rivolto a Maria De Filippi epiteti come “ipocrita” e “ridicola”: molti nemici, molto onore, si usa dire e a Maria non mancano certo milioni di telespettatori pronti a difendere lei e le sue trasmissioni, da sempre campioni di ascolti!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche