Oggetto galleggiante non identificato: filmato in acque profonde – e nessuno può capire cosa potrebbe essere

Ambiente

Oggetto galleggiante non identificato: filmato in acque profonde – e nessuno può capire cosa potrebbe essere


Un video su YouTube lascia perplessi i commentatori.
La creatura potrebbe essere una medusa – ma sembra avere organi.
Potrebbe trattarsi di una placenta di balena scartata – ma ha segni strani.
Potrebbe essere una rete da pesca – ma sembra muoversi sotto il proprio controllo

La creatura sembra niente di mai visto prima, gli speculatori suggeriscono 0che è una medusa o i resti di una balena.
Mentre, ad una rapida occhiata, la creatura ha organi e appendici mai visti su una medusa prima.
Nel frattempo potrebbe essere una placenta di una balena, ma se questo è il caso, allora le forme esagonali sulla pelle sono un mistero.

Se si tratta di una medusa, potrebbe essere un Gigantea Stygiomedusa. Questo tipo di medusa – che può crescere fino a sei metri di lunghezza – è stato avvistato solo 114 volte in 110 anni, quindi i dettagli su di essa sono scarsi.
Ma ancora una volta, le appendici di intralcio.

Un altro suggerimento è l’Enigmatica Deepstaria, un’altra medusa raramente studiata, che come la maggior parte del suo genere è incolore.
Tuttavia, è stato riferito che ha uno stomaco marrone, con i passaggi per lo stomaco ‘un po’ irregolari con bordi, che formano una rete reticolare ‘.
Questo potrebbe spiegare le marcature esagonali sulla parte superiore della creatura – ma ancora una volta, quali sono gli organi?

Queste marcature portano un commentatore sul sito Snopes – che cerca di sfatare o confermare le voci – a suggerire che questo è semplicemente niente di più di una rete da pesca.
Ma ancora una volta, le appendici di intralcio.
Un altro mistero -, questa volta – è esattamente dove il video è stato girato.

E’ stato inserito su YouTube il 27 aprile di quest’anno, e sembra essere stato girato due giorni prima, ma il manifesto non ha lasciato altri dettagli circa l’avvistamento.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche