Piotta, Applausi al comandante:"Rovazzi? Anche io volevo Gianni!"

Piotta, Applausi al comandante:”Rovazzi? Anche io volevo Gianni!”

Musica

Piotta, Applausi al comandante:”Rovazzi? Anche io volevo Gianni!”

piotta

Il nuovo singolo dell'artista romano in tour da Napoli a Toronto, nel prossimo anno una nuova iniziativa per ricordare Primo Brown.

Sono passati quasi 20 anni ma gli occhi di quel “Supercafone“, che tutti abbiamo amato, non si sono spenti d’ardore per la musica. “Faccio quello che mi piace e ho trovato un equilibrio fantastico” così Tommaso, in arte Piotta, parla del suo lavoro. Non manca certo il tempo per farsi una risata, da Rovazzi a Ghali fino al suo futuro e alle novità sulle iniziative per ricordare uno dei migliori mc della scena italiana: Primo Brown.

L’intervista a Piotta

E’ uscito il tuo nuovo singolo “Applausi al comandante” che stai portando in tour. Forse in “Volare” Fabio Rovazzi ti ha copiato un po’?
“Più che altro lui aveva come copilota Gianni Morandi io invece avevo il sosia di Bello Figo…cioè anche io volevo Gianni! Lo aspetto per il prossimo pezzo e il prossimo videoclip! Il video di Rovazzi m’è piaciuto..ci sono pure Maccio Capatonda e compagnia, poi il pezzo dell’aereo è un po’ “paro paro”. Abbiamo copiato entrambi dall’aereo più pazzo del mondo (ride ndr.)”

Poi c’è anche il dubbio di una frecciatina da parte di Ghali.

In Happy Days una sua rima fa ” Ok lo devo ammettere mi stai sul c***o come chi applaude all’atterraggio”.
“Ghali a me piace un botto! Sta andando da paura e sono contento! Ha fatto il dissing e ha ragione! Bravo Ghali che ha fatto il dissing! All’Air Canada, io vado a suonare a breve a Toronto in Canada per un minitour e l’ufficio stampa m’ha detto che con questa compagnia se tu fai l’applauso sull’aereo all’atterraggio se ti va bene scatta la multa..sennò addirittura l’arresto! Che mi sembra un po’ troppo!”

Suonerete a Toronto e il tour continuerà. Dove andrete?

“Ovunque, abbiamo fatto da poco il Big Bang Festival alle porte di Milano, andremo a Palermo per “Addio Pizzo”, Toronto poi Napoli e poi tutta Italia isole comprese. Tutte le date le troverete in costante aggiornamento sulla pagina Facebook Piotta, poi ci sarà anche qualche novità sull’ep e sulle nuove iniziative dell’etichetta “La grande onda”.

Quali sono i progetti per il tuo futuro nel panorama musicale, cosa vuoi fare da grande?
“Quello che faccio a me piace tantissimo, è esattamente l’equilibrio perfetto che sognavo: faccio musica, vivo di musica, produco anche altri artisti.

Sono noto ma non ho quella fama che ho avuto che per me è un grande assillo: claustrofobico. Mi piace chi mi ferma perchè mi riconosce e mi segue, odio la tv e credo nel confronto sempre alla pari”.

Tu hai collaborato con i Cor Veleno. Primo Brown manca a tutti e tu hai partecipato al memorial in suo onore cantando uno dei suoi pezzi ma, ci sarà qualche nuova iniziativa in futuro per ricordarlo?
“Certo, manca a tutti..mancherà ancora. E’ stato e resterà uno dei migliori della scena Hip Hop Italiana, magia della musica che lo rende immortale. Io avevo prodotto i Cor Veleno agli inizi della loro carriera perchè siamo cresciuti insieme a piazzale Flaminio.. le iniziative non sono finite perchè in futuro faremo ancora qualcosa per ricordare David, dopo il Pala Atlantico e dopo tutti gli artisti che da Coez a Nitro a Salmo hanno partecipato, ora ne verranno altri perciò rimanete sintonizzati sulle nostre pagine Facebook”.

Per scoprire cos’altro ci ha raccontato Piotta, guarda il video qui sotto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*