Rimborso chilometrico Aci: come funziona e come richiederlo

Auto

Rimborso chilometrico Aci: come funziona e come richiederlo

rimborso chilometrico
Per richiedere il rimborso chilometrico è sufficiente andare sul sito dell'Aci

Il Rimborso chilometrico è uno strumento di calcolo per i dipendenti e i professionisti che utilizzano la propria auto per fini aziendali.

Il Rimborso chilometrico è un metodo di calcolo strutturato che permette di indicare l’incentivo da dare ai dipendenti o anche ai collaboratori. Il calcolo avviene in funzione dei chilometri percorsi. Un tale sistema non è nuovo, ma già in passato funzionava per alcune categorie di lavoratori. Oggi in base ai calcoli che possono essere fatti direttamente sul sito dell’Aci si ha la piena contezza. Vanno così conteggiati quelli che sono i reali costi dell’auto. Consumo di carburante quindi, di gomme e tutti i tipi di usura che sono determinati dall’utilizzo di un veicolo. Tale incentivo è molto importante anche perché permette di verificare l’economicità reale di un’auto piuttosto che un’altra.

Rimborso chilometrico, come funziona

Per procedere al rimborso chilometrico basta andare sul sito dell’Aci e si troveranno tutte le indicazioni del caso. Bisogna però evidenziare che il conteggio varierà di veicolo in veicolo. Questo perché l’usura delle gomme per esempio non è la stessa da auto a auto.

Intervengono infatti diverse varianti che determinano le differenze di incentivo.

Parametri oggettivi per il calcolo sono quindi la categoria, la marca, il tipo di carburante. A ciò andrà poi sommata l’Iva. Nel conteggio dovranno inoltre rientrare anche le tasse automobilistiche, l’assicurazione e in generale altre spese che si sostengono per il mantenimento dell’efficienza di un veicolo.

In un’era tecnologia come la nostra è del tutto normale che oltre all’Aci esistano anche altri modi per procedere. Sono infatti nate delle App specifiche che propongono questo servizio.

Costo del carburante

Un problema di oggettiva del conteggio riguarda il carburante.

I costi infatti possono variare cambiando regione o più semplicemente da distributore a distributore. Per ovviare a questa variazione di tariffa allora l’Aci calcolerà il rimborso chilometrico sulle comunicazioni ufficiali del Ministero dello Sviluppo Economico. L’aggiornamento quindi avviene ogni mese.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche