Salvatore Anello, prete esorcista: palpeggiava le fedeli
Salvatore Anello, prete esorcista: palpeggiava le fedeli
Cronaca

Salvatore Anello, prete esorcista: palpeggiava le fedeli

prete

Quando la mano del prete non incarna la mano di Cristo: il caso di Salvatore Anello, esorcista palpeggiatore.

Violenza sessuale: è questa l’accusa con cui è stato condannato al carcere il prete palermitano Salvatore Anello di 59 anni. Col tempo aveva acquisito una notevole fama presso i fedeli della propria parrocchia, divenendo amato da molti.

Ma l’amore che riceveva dai propri parrocchiano non è stato ricambiato con il giusto amore che dovrebbe elargire un uomo di chiesa: il religioso è stato infatti arrestato all’alba di oggi, perché il nodo del suo segreto è stato sciolto dagli investigatori della Polizia giudiziaria della Polizia di Stato presso la Procura dei minori.

Padre Anello è accusato di avere abusato sessualmente di alcune donne, tra le quali figurano anche delle minorenni. Le giovani si erano rivolte al prete proprio per ricevere da lui la guarigione dall’influenza del Maligno.

A incastrare l’uomo, fortunatamente, è stato il racconto di una delle donne su cui Anello ha dimostrato da sua bestialità blasfema.

Insieme al prete è stato arrestato, sempre con l’accusa di violenza sessuale, un colonnello dell’esercito, Salvatore Muratore, 52 anni, che lavorava in servizio alla caserma Turba di Palermo.

Le violenze sarebbero avvenute nelle abitazioni delle vittime, alle quali, in caso di protesta per i palpeggiamenti e gli abusi, il colonnello avrebbe detto che era il diavolo a farle reagire in quel modo, asserendo: “Io sto solo invocando il demone della lussuria per liberarti“.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche