Sesso tra zia e nipote, incastrati in auto COMMENTA  

Sesso tra zia e nipote, incastrati in auto COMMENTA  

Amplesso con incastro sul lago Trasimeno. E’ accaduto a una ‘coppia’ imparentata di Perugia, lei la zia, lui il nipote. I due si erano appartati sulle rive del lago per fare del sesso senza essere notati da nessuno ma quello che doveva essere un momento di piacere si è trasformato in paura. I due parenti focosi sono infatti rimasti incastrati l’un l’altra e a nulla sono valsi i tentativi di liberarsi. Un incidente davvero imbarazzante che li ha costretti a telefonare al 118 e a far intervenire il chirurgo per separare i due corpi. Quella che doveva essere una trasgressione da tenere nell’ombra è così finita ben presto sotto gli occhi di tutti.

Leggi anche

18 Commenti su Sesso tra zia e nipote, incastrati in auto

    • LUISA, SE VUOI TE LO SPIEGO, MAGARI CON QUALCHE ESEMPIO SU POSSIBILI RISCHI (PER FORTUNA MOLTO, MA MOLTO LIMITATI TANTO DA FARE NOTIZIA QUANDO SI VERIFICANO…..)

  1. questa storia è sempre la stessa, tra amanti, zia e nipote, zio e nipote, professoressa e alunno, docente e allievo…ci avete rotto il cazzo con queste minchiate e di tutta la gente che dice stronzate come x es antonio arvonio, asserisce sesso anale….ma che cavolate sono…il cazzo non resta incastrato neppure con il sesso anale, sono solo minchiate …………..

  2. questa storia è sempre la stessa, tra amanti, zia e nipote, zio e nipote, professoressa e alunno, docente e allievo…ci avete rotto il cazzo con queste minchiate e di tutta la gente che dice stronzate come x es antonio arvonio, asserisce sesso anale….ma che cavolate sono…il cazzo non resta incastrato neppure con il sesso anale, sono solo minchiate …………..

  3. La presenza nella regione perianale, nel canale anale e nel retto di terminazioni nervose sensoriali, ha portato nel tempo a considerare erogena questa zona del corpo umano. La sensazione di piacevolezza percepita verso uno stimolo esterno in questa zona, varia da una persona all'altra e può risultare piacevole sia per chi penetra sia per chi viene penetrato. Nei maschi, può essere un' ulteriore fonte di piacere per la stimolazione della prostata durante la penetrazione. Spesso la donna, nel ruolo di soggetto passivo, associa alla penetrazione anale la masturbazione clitoridea e/o vaginale, la quale, oltre a incrementare la sensazione di piacere, contribuisce a rilassare la muscolatura anale, agevolando la penetrazione. Tra i maschi vi può essere una preferenza rispetto alla vaginale, la maggiore stretta sul pene del muscolo dello sfintere anale può offrire una sensazione di maggior piacere.
    Se effettuata in modo violento, specialmente per il soggetto passivo della penetrazione e in particolare le prime volte in cui la si pratica, la penetrazione può risultare dolorosa e addirittura provocare lesioni all'ano. Per ottenere l'allineamento fisico ottimale, la posizione considerata più appropriata e rilassante per i principianti, è quella del missionario, con un cuscino sotto i fianchi, le gambe sollevate in alto con le ginocchia verso il petto e i talloni appoggiati sulle spalle del partner, posizionato di fronte inginocchiato.
    l'unico rischio è quello dell hiv………

  4. credo di essere stata molto tecnica…e che x alcuni o forse molti maschietti non esiste incastro anale……aaaaaaaaaaaaaa basta con questi falsi miti….già la gente vede i mostri..

  5. Non è una leggenda, basta parlare con un medico o con qualcuno che lavoro al pronto soccorso. I casi di "amanti allacciati" per non parlare di persone con "oggetti incastrati" non sono affatto casi isolati. Una testimonianza tra tante trovate su internet? : "Quando si verifica lo spasmo dello sfintere , raramente viene raccontato, è vero, bisogna avere l'accortezza di ritirare il pene subito oppure xilocaina 2% da iniettare attorno allo sfintere (naturalemnte dovrà essere il medico ad eseguire questa manovra). Ad ogni modo, forse potrebbe essere sufficiente anche un anestetico da applicare localmente (emla crema).
    Aldo Franco De Rose (Andrologo e Urologo, Clinica Urologica di Genova)"

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*