Silvio Berlusconi condannato a 4 anni per frode fiscale COMMENTA  

Silvio Berlusconi condannato a 4 anni per frode fiscale COMMENTA  

Milano – Silvio Berlusconi è stato condannato a 4 anni di reclusione e interdizione per anni 3 dai pubblici uffici nell’ambito del processo Mediaset sull’acquisizione dei diritti Tv. Prescritto il reato per l’anno 2001 ma non per gli esercizi 2002-2003. Assolto Confalonieri. L’Accusa aveva chiesto una condanna a 3 anni e 8 mesi. Condannato anche Frank Agrama, l’intermediario cinematografico indicato dalla Procura di Milano come il “socio occulto” del Cavaliere nella compravendita dei diritti televisivi e cinematografici all’estero. Gli imputati condannati dovranno versare all’Erario una somma pari a 10 milioni di euro. La sentenza in primo grado è l’epilogo di 10 anni d’indagine e 6 di processo a singhiozzo grazie ai vari espedienti studiati nel corso degli anni con un intero Parlamento asservito alle esigenze personali dell’allora Premier. La condanna ha avuto ripercussioni sul titolo in Borsa di Mediaset che ha perso il 2%, facendo toccare alle azioni un minimo di 1,336 euro. Queste le reazioni del mondo politico.

Leggi anche: Vespa si ‘smarca’ da Berlusconi: ‘Non mi candiderò a sindaco di Roma’


Antonio Di Piatro (Idv)
Tutti i nodi vengono al pettine. Nonostante tutte le leggi ad personam che Berlusconi si è fatto e nonostante la continua delegittimazione e denigrazione dei magistrati, la verità è venuta a galla. Da oggi gli italiani possono prendere atto che una sentenza di primo grado considera Berlusconi un delinquente, colpevole di frode fiscale e con l’interdizione dai pubblici uffici per i prossimi tre anni.

Leggi anche: Berlusconi boccia Brunetta e promuove la Carfagna come nuovo capogruppo di FI


Paolo Ferrero (Federazione della Sinistra)

Berlusconi sempre alla grande: condannato per frode fiscale, come Al Capone!

Niccolò Ghedini (Pdl)
No comment, aspetto le motivazioni

Leggi anche

arresto-a-milano
Milano

Operazione anti spaccio a Milano: il video dell’arresto sui Navigli

Scene da film tra le vie di Milano con un triplice arresto in 'diretta' documentato dalle telecamere. Accade sui Navigli dove gli agenti della polizia in borghese hanno pedinato, filmato e arrestato tre persone. L'arresto è avvenuto in via Gola, epilogo di un'operazione della locale diretta dal vice comandante Paolo Ghirardi che ha portato al fermo di un 32enne italiano, R.F., di un tunisino 47enne, M.M. e di un egiziano di 48 anni, O.E.S. I tre sono stati a lungo seguiti ed osservati mentre spacciavano alla luce del sole per le vie di Milano ed una volta raccolto materiale video Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*