Tre atti unici da Anton Cechov a Milano, Teatro i COMMENTA  

Tre atti unici da Anton Cechov a Milano, Teatro i COMMENTA  

Da non perdere, agile e leggero, verrete catapultati nello splendido realismo di Cechov, per uscirne solo tra le braccia degli attori che lo rileggono con una meravigliosa naturalità tra oniriche coreografie. In scena a Milano fino al 10 Dicembre.



Uno spazio scenico vuoto, due tavoli, alcune sedie a delimitare un ring con due uomini e due donne che si sfidano e si affrontano. Il pubblico è vicino ma la quarta parete è assoluta: gli attori non vanno verso gli spettatori, sono quest’ultimi a dover entrare dentro e seguire gli interpreti.


Il regista e attore Roberto Rustioni parte dai tre atti unici: La domanda di matrimonio, L’orso e L’anniversario, che Checov considerava solamente vaudeville e semplici scherzi, cercando si restituire lo sguardo ironico e delicato del drammaturgo sulle cose e sul mondo, destrutturando i cliché geografici-folkloristici e facendo parlare i corpi e i rapporti fra i personaggi.


Il corpo, e il lavoro su di esso, diventa centrale. Il corpo isterico, nevrotico, che esplode e che crolla è il veicolo attraverso cui il teatro entra nella vita.

L'articolo prosegue subito dopo


Un’ora e venti di spettacolo che passa velocissimamente in cui a fondersi insieme sono lo stile realistico, una ricerca di immediatezza e vitalità continua.

Associazione Teatro C/R – Fattore K – associazione Olinda

traduzione e adattamento Roberto Rustioni
ideazione e regia Roberto Rustioni
dramaturg Chiara Boscaro
consulenza Fausto Malcovati
con Antonio Gargiulo, Valentina Picello, Roberta Rovelli e Roberto Rustioni
assistente alla regia Luca Rodella
movimento e coreografie Olimpia Fortuni

in coproduzione con Festival Castel dei Mondi di Andria 2012

INFO E PRENOTAZIONI: Teatro i (via Gaudenzio Ferrari, 11 – Milano) – Tel. 028323156 – info@teatroi.org – www.teatroi.org
BIGLIETTI: intero € 17,00 – under 26 € 10,00 – over 60 € 8,50 – convenzionati € 10,00

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*