Venezia, San Geremia: marocchino distrugge crocifisso

Venezia, San Geremia: marocchino distrugge crocifisso

Cronaca

Venezia, San Geremia: marocchino distrugge crocifisso

San Geremia

Nella Chiesa di San Geremia un marocchino di 26 anni, particolarmente alterato, ha distrutto un crocifisso del ‘700 in pieno giorno.

Martedì mattina un marocchino ha distrutto un crocifisso nella Chiesa di San Geremia. I fatti sono tanto semplici quanto incomprensibili, il gesto dell’uomo non ha infatti un fine preciso o un piano.

Il marocchino 26enne è entrato, come qualsiasi fedele, all’interno del luogo sacro. Stando a quanto dicono i testimoni egli era molto probabilmente alterato per motivi sconosciuti. Dopo aver detto che nel luogo ci fosse qualcosa di sbagliato, si è diretto verso un crocifisso del ‘700 e gli si è scagliato contro, buttandolo a terra e rompendolo. Immediatamente sono intervenuti il custode della chiesa di San Geremia Sandro Trevisan e alcuni fedeli che hanno assistito alla scena. Il marocchino è stato trattenuto fino all’arrivo della polizia sulla scena.

Subito l’uomo è stato portato al pronto soccorso dell’ospedale civile di Venezia, per i vari accertamenti e per fare una visita psichiatrica.

Il custode si sente scosso per il fatto accaduto e non si sarebbe mai aspettato una reazione da parte di una persona contro un oggetto sacro come può essere il crocifisso. Si rischia inoltre di alimentare l’odio religioso in una città come Venezia dove al suo interno vivono tantissime culture diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche