Viaggi verso le capitali europee del sesso

Viaggi

Viaggi verso le capitali europee del sesso

Molte delle più belle città europee, note e visitate soprattutto per i musei, l’architettura, l’arte, la cultura e divertimenti, svelano spesso un lato nascosto ugualmente affascinante per i turisti. Stiamo parlando delle zone proibite, a luci rosse, dove si va per realizzare i desideri più piccanti.

È interessante notare innanzitutto come ogni città abbia una propria visione delle pratiche hard, sicuramente influenzate dalla particolare cultura del paese.

Tra le capitali osè la prima che viene in mente è senza ombra di dubbio Amsterdam, dove il famoso quartiere rosso, il De Wallen, costituisce una delle maggiori attrazioni turistiche della città. Le case che si affacciano sui vicoli del quartiere sono vetrine in cui le ragazze offrono i loro servizi. Sono poi tanti anche i sexy shop, i coffe shop dove si vendono le droghe. C’è persino un museo del sesso e uno della cannabis.

Tutto un altro stile quello di Parigi e del suo quartiere a luci rosse.

La zona prende il nome dallo scultore Jean Baptiste Pigalle e ospita il leggendario Moulin Rouge, il Divan du Monde, numerosi sexy shop shop e un museo dedicato all’erotismo.

A Londra il cuore proibito batte nel quartiere di Soho, pieno di locali alternativi frequentati principalmente da omosessuali. Bisogna dire però che Soho è anche un centro culturale molto frizzante e innovativo.

In Germania, ad Amburgo la zona rossa si trova nel quartiere di St. Pauli dove, tra vicoli e piazzette si trovano locali di striptease e sexy shop.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche