Vini francesi: 130 trattamenti chimici

Vini

Vini francesi: 130 trattamenti chimici

Le Canard Enchaine ha svolto una indagine sui vini francesi scoprendo ben 130 trattamenti chimici nella lavorazione del prodotto.

Il laboratorio ha testato più di 300 vini francesi, alla ricerca di una vasta gamma di trattamenti, tra cui pesticidi e fungicidi. Dei vini testati, il 90 per cento aveva qualche traccia di pesticidi, anche se tutti i livelli erano al di sotto dei limiti di legge consentiti.

Limiti per i livelli di pesticidi nell’Unione Europea variano a seconda dell’agente, ma sono generalmente molto piccoli – per esempio, uva da vino possono contenere solo un massimo di 1 milligrammo per chilogrammo di miclobutanil fungicidi, e 0,2 mg / kg del penconazolo fungicida.

Ma “anche se le singole molecole erano al di sotto dei livelli di soglia di tossicità,” l’azienda che ha testato i vini ha detto che “c’è una preoccupante mancanza di ricerca sugli effetti di accumulo, e di come le molecole interagiscono tra loro.”

Alcuni dei vini testati contenevano tracce di nove tipi di pesticidi, aumentando i timori che piccole quantità di sostanze chimiche potrebbe causare danni.

Trra i trattamenti chimici trovati, ve ne sono alcuni che vanno dallo zolfo sino al ferrro, alla gelatina e alla colla di pesce, compreso anche il potassio. Rra le sostanze chimiche usate, il ferro cianuro di potassio è molto pericoloso e rischia di causare seri danni e problemi e va usato con cautela e particolare attenzione.

In Italia, non si sa bene quali siano e come siano i nostri vini, in quanto non è stata realizzata una vera e propria indagine o per lo meno non è stata così approfondita, come quella francese.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche