X Factor 2015, le assegnazioni di Mika e Fedez per il 6° live

Cultura

X Factor 2015, le assegnazioni di Mika e Fedez per il 6° live

Il daily andato in onda ieri sera ha svelato le assegnazioni di Mika e Fedez per il 6° live di X Factor, in programma giovedì sera.

I due giudici sono usciti sconfitti dal precedente live avendo perso ciascuno un concorrente (Mika ha perso Leonardo e Fedez i Landlord). L’appuntamento di giovedì prossimo prevederà una sola eliminazione, ma due distinte manche, delle quali una con scelta obbligata di un brano in italiano. E’ chiaro che per i Moseek e gli Urban Strangers si tratta di una penalizzazione fortissima, ma è anche vero che tutto dipende dai brani assegnati.

Per Luca, Mika ha scelto “Ti scatterò una foto” di Tiziano Ferro e “Stitches” di Shawn Mendes. Cantare una canzone di Tiziano Ferro è qualcosa che, in genere, per prudenza, sarebbe meglio evitare di fare, ma Luca dovrebbe esibirsi accompagnandosi con il solo pianoforte, da lui suonato, quindi potrebbe riuscire a mettere in scena una versione più intimista del brano.

Le difficoltà tecniche, però, sono ineludibili. “Stitches” di Shawn Mendes non dovrebbe invece presentare particolari difficoltà, il rischio, semmai, è che possa trattarsi di un brano troppo leggero, mentre, per rimanere in gara, a questo punto, Luca potrebbe avere bisogno di cantare qualcosa di più penetrante.

Gli Urban Strangers, invece, dovranno cantare “La libertà” di Giorgio Gaber e “Loser” di Beck. Come esordio in italiano non c’è male: Fedez ha voluto puntare molto in alto, scegliendo un pezzo tanto attuale in termini di contenuto, quanto obsoleto dal punto di vista musicale, incluse liriche e metrica. Su Gaber gli Urban Strangers possono salvarsi solo con un’operazione del genere di quella messa in atto la scorsa settimana, quando hanno cambiato in modo radicale What I got dei Sublime. Viceversa, se tenteranno solo di ricantare il pezzo, lo schianto è quasi certo. Nessun problema, invece, con “Loser”: l’unico rischio potrebbe essere un calo di concentrazione.

I Moseek, infine, presenteranno “Tutti i miei sbagli” dei Subsonica e “Do I wanna know” degli Arctic Monkeys.

Di sicuro si tratta della miglior coppia di brani, ma il compito non sarà semplice, perché in entrambi i casi sarà molto difficile personalizzare i pezzi. Quello dei Subsonica (presentato peraltro sul palco del Festival di Sanremo) ha un arrangiamento molto barocco, perfetto già com’è, mentre “Do I wanna know” è piuttosto scarna e in ciò trova la sua validissima atmosfera. Finora, i Moseek sono sembrati i musicisti più preparati dell’intera compagine, ma la prova che li aspetta potrebbe essere al di là della loro portata.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche