×

Abano Terme, focolaio tra ristoratori dopo soggiorno alle terme: 20 contagi e un morto

Un gruppo di circa 30 ristoratori sardi ha raggiunto il Veneto per un soggiorno. 20 di loro sono risultati positivi al Covid-19. C'è persino una vittima.

Abano Terme focolaio ristoratori

Aumentano i casi di Covid-19 in Italia, che affronta la quarta ondata. Se nel resto d’Europa la situazione appare critica, nel nostro Paese gli esperti rassicurano che l’andamento – sebbene in rialzo – è sotto controllo. Tuttavia, preoccupano i nuovi focolai, come quello sviluppato tra un gruppo di ristoratori sardi che hanno soggiornato ad Abano Terme.

Abano Terme, focolaio tra alcuni ristoratori

Cira 30 ristoratori sardi hanno organizzato un viaggio di piacere ad Abano Terme, per concedersi alcuni giorni di relax al termine dell’intensa stagione estiva. 

Eppure, quelli che sarebbero dovuti essere giorni di riposo e spensieratezza si sono trasformati in un incubo. Tra i ristoratori è stato individuato un focolaio di Covid-19: 20 i positivi finora accertati.

Si conta persino una vittima, la cui morte sarebbe legata anche a una patologia pregressa. Tutti si erano presentati alle terme della provincia di Padova muniti di green pass.

Abano Terme, focolaio tra alcuni ristoratori: le parole di uno di loro

Intervistato dal quotidiano La Nuova Sardegna, un ristoratore coinvolto nel focolaio individuato ad Abano Terme ha dichiarato: “Anche il nostro era in qualche modo “un viaggio della speranza”, seppure diversa da quella di chi è andato a Medjugorie.

Era la speranza di normalità, per mettere fine a questo lungo periodo di chiusura nei confini dell’isola”.

Poi ha sottolineato: “Purtroppo, nonostante fossimo tutti vaccinati e con green pass, alla fine molti di noi si sono ritrovati positivi”.

Abano Terme, focolaio tra alcuni ristoratori: il commento del sindaco

A commentare la notizia è anche il sindaco di Abano Terme.

Federico Barbierato, infatti, ha dichiarato: “Credo sia un po’ eccessivo, oltre che sbagliato a livello scientifico, parlare di focolaio soltanto perché, nell’arco di due settimane e in località differenti, siano risultate positive al Covid 69 persone, molte delle quali, peraltro, completamente asintomatiche”.

Contents.media
Ultima ora