×

Materassino multi-uso per mare e campeggio

Andiamo a scoprire tutti i vantaggi di avere un materassino da mare o da campeggio e perchè andare a scegliere Air Bed, uno dei migliori sul mercato,

default featured image 3 1200x900 768x576

Un materassino comodo e pratico per il mare e per il campeggio? Andiamo a scoprire tutti i vantaggi di averne uno e perchè andare a scegliere AirBed, uno dei migliori materassini sul mercato.

Materassino per il mare: perchè averne uno?

Il materassino gonfiabile da mare è uno degli strumenti indispensabili per la spiaggia, il mare, per le piscine in giardino e in generale in qualunque zona turistica che si scelga per la sua funzionalità balneare. I suoi vantaggi sono tantissimi: è amatissimo da bambini e ragazzini, ma i materassini galleggianti vengono poi regolarmente utilizzati e sfruttati anche dagli adulti, per divertimento o anche per solo relax (molto spesso, anzi, i genitori comprano questi prodotti per i figli piccoli e si ritrovano a utilizzarli regolarmente loro…).

Ne esistono ovviamente tantissimi, di varie forme, colori e dimensioni. Andiamo a scoprirne qualcosa di più

Guida all’acquisto

Tra le caratteristiche di cui prender nota prima dell’acquisto vi sono, oltre alle dimensioni (deve essere singolo o a doppia piazza?), la portata in kilogrammi (fattore importante visto che il dato non è sempre presente comunque nella descrizione del prodotto).

Controllare anche eventuali optional quali la presenza di una toppa per una possibile riparazione (la cosiddetta “bucatura”) e il numero di camere d’aria (avere più di una camera d’aria si può rivelare molto utile in termini di “resistenza” e durata del prodotto ma farà perdere più tempo nella lunga e faticosa sede di gonfiaggio).

Per quanto concerne i materiali, la grande maggioranza di materassini da spiaggia o da mare sono realizzati in materiali plastici, in genere li troviamo composti di PVC oppure in vinile. Più raramente sono realizzati in tessuto (come ad esempio il cotone) gommato o floccato. Anche se queste ultime tipologie di materassini risultano meno adatte per galleggiare sull’acqua e, in generale, per stare a contatto con la superficie liquida, si possono comunque adattare all’uso.

Le uniche difficoltà relative a materiali in tessuto o con la floccatura sono dovute al fatto che i materassini realizzati in questo modo hanno bisogno di un tempo maggiore per asciugarsi ma il risultato finale, in termini di galleggiamento e divertimento, si può tranquillamente considerare lo stesso.

Vantaggi

Se si sceglie di dormire in tenda, che sia in bivacco libero o in un campeggio organizzato, bisogna dotarsi di un buon materassino, comodo versatile e dai mille usi. Questo accessorio è troppo spesso trascurato dai cicloturisti e dai camperisti, ma gioca in realtà due ruoli fondamentali: assicurare un maggiore comfort, più in generale, ma anche e soprattutto proteggerci dal freddo.

La prima funzione è facile da comprendere: dormire su un materassino attenua la durezza e le irregolarità del terreno. Per quanto riguarda la seconda, quella di protezione dal freddo, è necessario capire che anche il miglior sacco a pelo non può conservare il nostro calore nelle parti in cui è schiacciato, e cioè ovviamente sotto la schiena: quindi bisogna inserire un altro strato fra il corpo e il terreno.

Il potere isolante è misurato dal cosiddetto “R-value”: si tratta di un’unità di misura usata anche nel mondo dell’edilizia e, molto semplicemente, quando aumenta questo “fattore R” aumenta anche il potere isolante del materassino. Se si va in luoghi freddi, bisogna avere un materassino con un fattore R più alto rispetto a quando si va in luoghi caldi. È difficile specificare esattamente un valore del fattore R per una data temperatura ambientale, in quanto la resistenza al freddo varia molto da persona a persona; dipende dalla forma fisica, dalla stanchezza, dal sesso, dall’abitudine e così via.

Genericamente, un materassino con fattore R inferiore o uguale a 2 dovrebbe essere usato solo d’estate; se si prevede di dormire con temperature intorno allo zero o poco sopra, bisognerebbe scegliere un materassino con fattore R di almeno 3; se si pensa di scendere sotto lo zero è necessario comprare materassini più isolanti. Infine, se si è stanchi o poco abituati al freddo, questi valori possono dover salire anche sensibilmente. Detto questo, quale modello comprare? Come ogni accessorio che viene nel mondo dell’escursionismo, ne esistono ormai decine di varianti. Più in generale però possono essere comunque ricondotti a due fondamentali categorie.

I materassini “da palestra”

Si tratta di classici materassini in polietilene espanso, chiamati così perchè molto simili a quelli che si usano in palestra. Sono detti anche CCF (Closed Cell Foam). Costano pochi euro e possiamo dire che sono praticamente indistruttibili. All’aumentare dello spessore aumenta naturalmente anche il potere isolante ( quello che prima abbiamo chiamato il fattore R). Un materassino da 1 cm di spessore ha un valore di R di circa 2, e per usarli in autunno o primavera è necessario portarsi dietro un materassino con uno spessore di circa 1,5 cm.

Questi valori ci fanno capire come il problema principale dei CCF sia soprattutto quello relativo all’ingombro, cosa a cui un cicloturista, ma anche un campeggiatore, deve stare sempre molto attento. Quelli che si arrotolano su se stessi rimangono di dimensioni rilevanti, facendo tra l’altro anche un fastidioso “effetto vela”. Quelli che si ripiegano fino a diventare un rettangolo sono un po’ meglio soprattutto perchè possono essere sistemati ad esempio fra il portapacchi posteriore e la tenda.
Se l’ingombro è un problema, quindi, si può passare a considerare l’acquisto di un altro tipo di materassini…

I materassini gonfiabili

Prima di tutto una precisazione: non bisogna confonderli coi classici materassini “da spiaggia”, quelli di plastica con solo l’aria dentro, che hanno un potere isolante prossimo allo zero.
Questo tipo di materassini è composto da un materiale spugnoso che si espande al momento dell’utilizzo con l’effetto di gonfiarli; alcuni tipi sono autogonfianti: la spugna interna è del tipo “a memoria” (forse la conoscete di più col nome di “memory foam”) e si espande automaticamente una volta aperta la valvola (può essere necessario soffiare un paio di volte per completare l’operazione). Il vantaggio principale di questi materassini è che questo materiale spugnoso è anche altamente comprimibile, per cui possono essere riposti facilmente dentro le borse da viaggio.

Il lato negativo rispetto a quelli in polietilene espanso è che sono più costosi, più pesanti e più delicati, essendo anche più complessi. Per questo motivo, è meglio comprarne uno di buona qualità e di una marca fidata. Se ci si limita a viaggiare in estate, possono andare bene anche i modelli di base, altrimenti bisogna orientarsi su modelli più efficaci, scegliendo in base ai valori del fattore R dati precedentemente.

Purtroppo, non tutte le case produttrici specificano il fattore R dei propri materassini: è anche questo un segnale che può aiutarci a discriminare fra produttori seri e meno seri. È importante comunque tenere presente che, prima di avventurarsi in luoghi freddi, è necessario testare per bene il materiale e la propria resistenza al freddo.

AirBed: il Materassino da mare e da campeggio

AIRBED

Airbed è l’unico materassino completamente italiano, fatto di Nylon Ristop, rinforzato con cuciture interne in maniera tale da diventare impossibile da bucare, e con garanzia soddisfatti o rimborsati.

Andiamo a conoscerlo meglio attraverso le sue FAQ

Domande e risposte

Come si gonfia AirBed?
Il video nella pagina principale mostra come funziona e quanto sia facile: basta estrarre AirBed dalla sacca, aprirlo e scuoterlo in aria un paio di volte in modo da far entrare aria. Poi, basta arrotolare la parte con l’apertura, piegarla nel mezzo e chiudere la fibbia!

Come si sgonfia AirBed?
Sgonfiare AirBed è facile quanto gonfiarlo. Una volta aperta la fibbia, la maggior parte dell’aria uscirà automaticamente. In questo modo potrai arrotolare AirBed partendo dalla parte chiusa fino all’apertura. In questo modo puoi piegarlo a metà e riporlo nell’apposita borsa.

Per quanto tempo resta gonfio dopo averlo riempito d’aria una volta?
Un AirBed completamente pieno resta gonfio per circa 8-12 ore, dopo di che bastano pochi secondi per riportarlo perfettamente in forma aggiungendo nuova aria o arrotolando un po’ di più la parte con l’apertura.

Di quale materiale è fatto AirBed?
La parte esterna è fatta di uno speciale Nylon Ripstop di alta qualità ultraleggero ed extra-forte, prodotto apposta per resistere ad agenti esterni e per garantire una lunga tenuta e rispetto per l’ambiente.

Dove e su che tipo di terreno può essere utilizzato AirBed?
AirBed può essere utilizzato su quasi tutte le superfici immaginabili, come per esempio erba, sabbia, cemento e addirittura sabbia e acqua. Questo fa di AirBed la tua scelta ideale per festival, parchi, spiaggia e altri luoghi in cui si offrono occasioni di relax. Inoltre, la sua alta resistenza rende addirittura possibile un uso su terreni non uniformi come in montagna, nella giungla o su altri terreni poco comodi.

Quali sono le misure e il peso di AirBed?
AirBed pesa 1,2 kg e misura 17×37 cm se riposta nella sua sacca. Quando è gonfiato completamente misura circa 210x100cm.

Quanto peso può portare al massimo AirBed?
Nei nostri test ci si siamo seduti sopra in 5 ed ha funzionato perfettamente (per lo meno per AirBed). Comunque, raccomandiamo di non caricare AirBed con più di 200kg (2-3 persone).

Come si può proteggere AirBed dal vento quando nessuno ci siede sopra?
È difficile immaginare un momento in cui nessuno vuole sedersi sul AirBed. In ogni caso, se dovesse succedere, si può legare la cordicella di AirBed ad un qualsiasi oggetto (un ombrellone, uno zaino, etc.). In alternativa si può riempire la sacca da trasporto con sabbia o sassi e legarla alla cordicella di AirBed. Così il vento non la può spazzare via anche se non c’è nessuno seduto sopra!

Spedite AirBed in tutto il mondo? Quando dura e quanto costa la spedizione?
La spedizione espressa consegna il tuo pacco in 2-3 giorni lavorativi. Essendo contrassegno non possiamo spedire fuori dall’Italia

Quali sono i metodi di pagamento accettati?
Al momento solo contrassegno

Materassino relax

Amazon mette a disposizione dei clienti una serie molto estesa di materassini gonfiabili, molto utili per rilassarsi in vacanza dopo un anno stressante tra smog e ansia da lavoro. Questa soluzione che stiamo per proporre, permette di trasportare il proprio materassino in una sacca a tracolla, dopo averlo sgonfiato, evitando fastidi inutili dovuti alle dimensioni ingombranti dello stesso. Costituito interamente da tessuto in Nylon, il materassino corrisponde ad una dimensione di 230 x 72 cm da sgonfio, confermando il fatto di come sia semplice il suo trasporto da una spiaggia all’altra.

Contents.media
Ultima ora