×

Area Sanremo, Filippo Biolè racconta: “Diamo spazio ai giovani con passione e voglia di fare”

“La carriera nella musica comporta difficoltà e tanto studio: i giovani devono saperlo. Con Area Sanremo offriamo grandi opportunità", spiega l'avvocato.

Area Sanremo Filippo Biolè

Con Area Sanremo la musica torna a essere protagonista assoluta, offrendo una preziosa opportunità ai giovani alla ricerca di un proprio spazio nel settore. Studio, sacrifici, rinunce oltre alla tanta passione rappresentano il segreto per il successo. Lo ha spiegato l’avvocato Filippo Biolè, che nell’intervista esclusiva ha parlato del lavoro accurato e intenso portato avanti dalla Fondazione Orchestra Sinfonica di Sanremo, da lui presieduta, la quale organizza e gestisce Area Sanremo.

Si tratta della manifestazione dedicata ai giovani artisti di età compresa tra i 16 anni compiuti e i 30 non ancora compiuti all’1 gennaio 2022 (singolo, duo o gruppo). La Direzione Artistica di Area Sanremo è a cura di Massimo Cotto. Quest’anno 20 artisti emergenti vinceranno il concorso e 4 di loro si esibiranno a Sanremo Giovani. Ma com’è stato puntare sulla musica e organizzare l’evento in tempo di Covid? Quale l’importanza dello spazio destinato ai giovani?

Area Sanremo, le iscrizioni al concorso

Per iscriversi è necessario scaricare il bando ufficiale dal sito di Area Sanremo, compilare la domanda di iscrizione online e inviare il materiale richiesto entro e non oltre il 21 ottobre. I due brani presentati, uno destinato alle audizioni e l’altro per l’eventuale partecipazione al Festival di Sanremo 2022, dovranno essere inediti, in lingua italiana e della durata di 3 minuti e 30 secondi.

LEGGI ANCHE:

Novità di quest’anno è l’aumento del numero di vincitori ad Area Sanremo: la Commissione di Valutazione, infatti, selezionerà 20 vincitori tra i più meritevoli al concorso, diversamente dalla vecchia formula che prevedeva 8 vincitori di cui 2 selezionati per partecipare alle Nuove Proposte del Festival di Sanremo.

I 20 vincitori di Area Sanremo avranno la possibilità di sostenere un’audizione davanti alla Commissione Artistica della Rai, la quale decreterà i 4 artisti che parteciperanno alla serata finale di Sanremo Giovani, prevista il 15 dicembre in diretta su Rai1, in prima serata, dal Teatro del Casinò di Sanremo.

Le canzoni saranno selezionate dalla Commissione di Valutazione composta da Franco Zanetti (Presidente), Mauro Ermanno Giovanardi e Marta Tripodi. Al termine della prima fase eliminatoria, si aggiungeranno alla Commissione il Maestro Giuseppe Vessicchio (in qualità di Presidente) e Piero Pelù.

Il commissario supplente è Maurilio Giordana. Il Presidente Onorario della Commissione di Valutazione è Vittorio De Scalzi. Istituita la nuova figura del garante, che ascolterà le esigenze e le problematiche dei partecipanti al concorso, sottoponendole all’attenzione della Commissione di Valutazione, della Fondazione Orchestra Sinfonica e della direzione artistica. Il garante di questa edizione è Massimiliano Longo.

Grazie alla collaborazione con KNTNR, startup che si occupa di sostenere nuovi talenti in campo artistico, verranno offerte ai partecipanti al concorso fino a 10 borse di studio dal valore di 2500 euro ciascuna.

Area Sanremo Filippo Biolè

Filippo Biolè racconta Area Sanremo

“Abbiamo voluto dare un segno distintivo ad Area Sanremo, in vista della nuova edizione del Festival, che con i suoi ascolti record rappresenta un successo anche nei tempi più bui. Vogliamo offrire un programma editoriale ben definito, insegnando ai ragazzi che affrontare un simile percorso selettivo è molto diverso dagli altri talent. Non è un mondo semplice e non bastano capacità artistiche innate. Serve tanto studio e anche scoprire bene sé stessi. Bisogna partecipare attivamente alla creazione artistica, nulla nasce da sé. Valuteremo l’esecuzione artistica e la capacità di muoversi su un palco così prestigioso, ma anche l’impegno portato avanti”, ha spiegato Filippo Biolè.

Quindi ha ricordato: Abbiamo dato grande importanza alla formazione dei giovani e lo dimostriamo garantendo fino a 10 borse di studio dal valore di 2500 euro ciascuna. Così vogliamo dare un segnale di serietà e trasparenza. Spero troveremo ragazzi meritevoli ai quali dare un importo economico da investire nello studio”.

“Bisogna fortificare i ragazzi di oggi nell’intravedere il loro futuro, abituandoli alle difficoltà che inevitabilmente fanno parte del percorso (e della vita). Anche la durevolezza di un’esperienza artistica che diventa una scelta di vita deve essere consapevole. Rispetto a Sanremo Giovani, Area Sanremo accoglie proprio tutti: diamo possibilità a chiunque, anche a chi non ha alle spalle una casa discografica. Vogliamo premiare chiunque abbia talento. Si tratta di un concorso davvero democratico, ha sottolineato.

Spero di trovare davanti a me ragazzi con voglia di fare. Conosco bene le nuove generazioni, con le quali mi confronto assiduamente attraverso un’attività di volontariato che intraprendo da ormai 5 anni. Sono di religione ebraica da parte di madre e vado nelle scuole per raccontare le persecuzioni e le esperienze legate alla Shoah vissute proprio dalla mia famiglia. Entro in sintonia con i miei ascoltatori e così ho avuto modo di ricredermi: mi sono smentito per una serie di prevenzioni che avevo nei loro riguardi. Ho trovato uno sguardo di accoglienza e curiosità che non può che appartenere al mondo giovanile. Con Area Sanremo mi aspetto di vedere ragazzi che abbiano coraggio e desiderio di mettersi alla prova. Da parte nostra c’è solo voglia di sostenere i giovani e accoglierli a braccia aperte. Portiamo avanti un messaggio profondo, di riflessione sul mondo del lavoro: devono valutare se quella sia davvero la loro strada. Sono convinto che il nostro modo di vedere il mondo verrà accolto con attenzione ed entusiasmo”, è il bel commento di Filippo Biolè.

Contents.media
Ultima ora