×

Carbon Warfare: come funziona

default featured image 3 1200x900 768x576

Ecco il nuovo gioco prodotto per Android e iOS, Carbon Warfare, che ci sensibilizzerà sulle conseguenze del surriscaldamento globale.

Carbon Warfare, prodotto da Gamesource Studio, è il nuovo videogame prodotto per Android e iOS. Si tratta di un classico gioco di strategia davvero ben strutturato che appassionerà coloro che amano questo genere di sfide, dove l’abilità è sicuramente una discriminante per uscirne vincitori.

E’ indiscutibile, fra l’altro, anche la grande tradizione di Gamesource nella realizzazione di grandi gioco di strategia. Testimonianza ne è il grande successo sul mercato di XCOM: Enemy Unknown e Enemy Within. Attraverso Carbon Warfare, la casa produttrice di giochi ha voluto sensibilizzare l’utente sul gravoso problema del surriscaldamento globale, mediante una esperienza realistica dai contorni quasi provocatori.

L’obiettivo del giocatore sarà quello di distruggere il pianeta terra attraverso investimenti che riguardano le industrie alimentate a combustibile fossile.

Lo scopo finale del gioco è quello di trovare il giusto mix di industrie e disastri ecologici per annientare il nostro pianeta evitando che gli esseri umani ne possano venire a conoscenza del nostro losco piano.
Non è affatto un caso che Carbon Warfare esca dopo la conferenza COP22 che si è svolta a Marrakech e dove il tema all’ordine del giorno è stato proprio il riscaldamento globale e le sue conseguenze nefaste.

Cosa accadrebbe se la temperatura media della terra si elevasse al di sopra dei 15° attuali e toccasse i 21° ? A quali disastri naturali potremmo assistere ? Le fonti energetiche inquinanti che ruolo giocheranno nei prossimi anni in tal senso ? Sono queste le domande che ci porremo dopo aver giocato a Carbon Warfare. Il messaggio che ne potremo trarre sarà tutt’altro che consolante e rassicurante. E di certo, nella realtà, dovremo rovesciare i ruoli rispetto all’esperienza del videogioco.

Dovremo farci interpreti delle speranze della terra di sopravvivere alla propria auto-distruzione.

Contents.media
Ultima ora