> > Covid, contagi in aumento, la “grana dimenticata” per il nuovo governo

Covid, contagi in aumento, la “grana dimenticata” per il nuovo governo

Casi covid in aumento e grossa grana per il nuovo esecutivo

Covid, contagi in aumento, la “grana dimenticata” per il nuovo governo, Pregliasco: “Ora siamo in una fase di transizione fra la pandemia e l'endemia"

Il Covid non molla l’Italia ed i  contagi sono in aumento, perciò arriva la “grana dimenticata” per il nuovo governo guidato presumibilmente da Giorgia Meloni.

Il dato è che il coronavirus torna a colpire e il governo che subentrerà rischia di ritrovarsi una “bomba” sul tavolo. I dati sono evidenti e la curva epidemica è in netta risalita, lo dicono i dati di ieri, martedì 27 settembre. I nuovi casi sono stati 44.878 e il numero è il più altro del bimestre. 

Covid, “grana dimenticata” per il governo

Solo il 26 settembre i contagi erano stati 10.008 e 28.395 il martedì precedente.

E il tasso di positività? Quello è al 18,4% su 243.421 tamponi analizzati con 64 decessi, il doppio del giorno prima. Insomma, il dato, abbondantemente anticipato dagli esperti, è che  il nuovo governo, per lo più ed indicativamente composto da rappresentanti di forze politiche a trazione “morbida” sulle misure di contrasto, dovrà fare i conti anche con l’emergenza Covid, seppur in tono molto minore rispetto al passato.  

Addio alle misure anti contagio

Le misure anti-contagio che stanno per giungere a scadenza non saranno prorogate. Fra pochi giorni, a fine settembre, decadrà l’obbligo di mascherina quasi ovunque: sugli autobus, in metro o in treno, ma anche negli ospedali, negli ambulatori medici e nelle Rsa. E il virologo Fabrizio Pregliasco ha detto ad AdnKronos sul delicato tema: “Presumibilmente siamo in una fase di transizione fra la pandemia e l’endemia. Ed è una fase che necessiterà a mio avviso di una serie di interventi meno pesanti, meno difficili, e soprattutto supportati da dati scientifici”.