×

Covid, immunologo Le Foche sul vaccino ai ragazzi di 12-15 anni: “Efficace al 100%”

L’immunologo Francesco Le Foche ha commentato la decisione di procedere alla somministrazione del vaccino anti-Covid ai ragazzi di 12-15 anni.

Immunologo

L’immunologo del Policlinico Umberto I di Roma, Francesco Le Foche, si è espresso a proposito degli effetti della campagna vaccinale attuata in Italia per contrastare la diffusione del coronavirus sul territorio nazionale.

Covid, immunologo Le Foche: andamento della campagna vaccinale

Nel corso di un’intervista rilasciata al Corriere della Sera, l’immunologo Francesco Le Foche ha commentato il costante miglioramento della situazione epidemiologica attualmente registrata entro i confini italiani, elogiando la strategia delle riaperture graduali.

Per il medico, un ruolo fondamentale e di primaria importanza è stato svolto dalla campagna vaccinale attuata in Italia per combattere la circolazione del SARS-CoV-2.

In merito alla somministrazione dei vaccini alla popolazione, infatti, l’esperto ha spiegato: “Le vaccinazioni hanno avuto un ruolo chiave e ancor più lo avranno nelle prossime settimane, quando sarà il turno degli adolescenti. Il prossimo passo sarà la disponibilità di dosi autorizzate per bambini tra 6 mesi e 12 anni.

Magari il vaccino anti Covid potrebbe essere inserito nel calendario delle vaccinazioni dell’infanzia raccomandate».

In merito al periodo estivo, poi, l’immunologo si è mostrato particolarmente ottimista e ha rivelato la propria convinzione che quella del 2021 sarà “un’estate positiva, nel senso buono”.

Covid, immunologo Le Foche: il caso degli over 60

Il medico afferente al Policlinico Umberto I di Roma ha anche affrontato la questione legata al numero ancora esiguo di over 60 vaccinati in Italia, categoria quindi ancora lontana dall’immunizzarsi contro il Covid.

Il fenomeno è stato analizzato da Francesco Le Foche nel seguente modo: “Credo che non si tratti di no vax ma di cittadini difficili da raggiungere o perché abitano in piccoli paesi o perché non hanno dimestichezza col computer e quindi faticano a entrare nel sistema degli appuntamenti. Le vaccinazioni in farmacia saranno uno sprone per i ritardatari”.

In relazione agli hub vaccinali disseminati sul territorio nazionale, invece, l’esperto ha affermato: “Credo che adesso si dovrebbe passare a centri di prossimità, più vicini agli utenti. Mi riferisco agli ambulatori dei medici di medicina generale che conoscendo personalmente i loro pazienti possono agevolarne l’adesione. Poi le farmacie”.

Covid, immunologo Le Foche sul vaccino ai ragazzi di 12-15 anni

Infine, l’immunologo Le Foche ha rilasciato alcune considerazioni sull’imminente apertura della campagna vaccinale agli adolescenti di età compresa tra i 12 e i 15 anni, invitando i genitori dei più giovani a prenotare dosi di siero anti-Covid per i propri figli.

L’esperto, infatti, ha rassicurato le famiglie, garantendo: “Il vaccino è efficace al 100%. I genitori devono capire che farlo fare ai figli significa ridurre lo spazio di azione del virus che troverebbe nei giovani non immunizzati una sorta di serbatoio di infezioni, pericoloso per gli ultra sessantenni che di Covid possono ammalarsi gravemente e anche morire. Se puntiamo a mettere all’angolo il Sars-CoV-2 dobbiamo intendere la vaccinazione come un atto di educazione civica. Purtroppo, a circa cinque mesi dal via alle prime vaccinazioni, continuano a circolare fake news deleterie – e ha aggiunto –. Evidentemente c’è chi nei social si diverte a farle circolare».

Contents.media
Ultima ora