×

Covid, nuova mappa Ue delle zone a rischio: Sicilia, Sardegna e Basilicata in zona rossa

Secondo la nuova mappa Ue del rischio di diffusione del Covid-19 migliora la situazione in Italia e all'estero

mappa ue covid

In base alla nuova mamma Ue del rischio di diffusione del Covid-19 elaborata dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, rimangono colorate di rosso la Sicilia, la Sardegna e la Basilicata.

La nuova mappa Ue del rischio covid

Torna, come ogni settimana, la mappa europea aggiornata del rischio Covid del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) che classifica le zone a maggiore o minore pericolo di diffusione del Coronavirus.

Nello specifico “i colori” della mappa dell’Ecdc sono verde, arancione, rosso e rosso scuro. Le zone rosse sono quelle che negli ultimi 14 giorni hanno registrato tra i 50 e i 150 casi e un tasso di positività inferiore al 4%, oppure quelle che hanno tra i 150 e i 500 casi ogni 100mila abitanti.

Covid, mappa Ue : le regioni italiane in rosso

In base all’ultimo aggiornamento della mappa europea del rischio Covid dell’Ecdc di giovedì 16 settembre risultano ancora colorate di rosso – quindi con un potenziale maggior pericolo di diffusione del Covid-19 – tre regioni italiane: Sicilia, Calabria e Basilicata.

Covid, mappa Ue: le regioni italiane in arancione

Tornano invece in arancione: Marche, Toscana e Sardegna, precedentemente rosse. La nuova colorazione indica che le tre regioni hanno registrato nelle ultime due settimane meno di 200 positivi al coronavirus ogni 100mila abitanti.

Nel complesso – a parte le già citate Sicilia, Calabria e Basilicata – tutte le restanti regioni italiane sono colorate di arancione, quindi nessuna risulta classificata come “verde”, ossia con un basso rischio di diffusione del virus.

Migliora comunque nel complesso la situazione in Italia e anche nel resto d’ Europa, in particolare in Portogallo, Nord della Francia, Fiandre (Belgio) e in alcune regioni della Spagna.

Contents.media
Ultima ora