×

Sicilia, terremoto M 4.1 in area Etnea: avvertito dalla popolazione

Nuova scossa di terremoto in area Etnea. Un sisma di magnitudo 4.1 della scala Richter rilevato dai sismografi dell'Ingv, paura tra la popolazione.

terremoto etna sicilia

La terra torna a tremare ai piedi dell‘Etna. Una scossa di terremoto intensa, magnitudo 4.1 della scala Richter, è stata registrata nella nottata in area Etnea; il sisma, riportato dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, si è verificato alle 0.50 del 9 gennaio 2019 nel Catanese ad una profondità di soli 2 chilometri, ed è direttamente collegato all’attività eruttiva dell‘Etna che prosegue da diverse settimane e che ha innescato uno sciame sismico caratterizzato da centinaia di scosse di moderata intensità, alcune delle quali hanno però, come in questo caso, superato la magnitudo 4, fino a raggiungere il 4.8 della scala Richter.

Un sisma che ha provocato crolli e danni importanti in diversi comuni ubicati nell’area epicentrale.

Terremoto Sicilia, le prime informazioni

L’epicentro dell’ultima scossa è stato localizzato a 10 km dal comune di Milo e alla medesima distanza da Linguaglossa e Sant’Alfio, a 12 km da Moio Alcantara e Piedimonte Etneo, Castiglione di Sicilia e Zafferana Etnea, a 13 da Randazzo, e a 14 chilometri dai comuni di Mascali, Malvagna, Giarre e Fiumefreddo di Sicilia.

Stando alle prime informazioni della Protezione Civile, il terremoto è stato distintamente avvertito dalla popolazione ma non avrebbe provocato danni a cose o persone.

Terremoto, il comunicato della Protezione Civile

Poche decine di minuti dopo la scossa di terremoto di magnitudo 4.1, la Protezione Civile ha diffuso un comunicato per confermare quanto riportato da Ingv e fare il punto della situazione: “un evento sismico di magnitudo 4.1 – si legge – è stato registrato alle ore 0.50 dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia in provincia di Catania.

L’evento, con epicentro localizzato tra i comuni di Linguaglossa, Sant’Alfio e Milo – prosegue il comunicato – è stato avvertito dalla popolazione. Dalle verifiche effettuate dalla Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile non risultano danni a persone o cose. Il Dipartimento della Protezione Civile continua a seguire l’evolversi della situazione in stretto raccordo con i centri di competenza (Ingv e Unifi) e con la Regione Siciliana”.

Una seconda scossa in mare

Un altro terremoto più lieve, di magnitudo 2.7 della scala Richter, è stato registrato poco dopo al largo della Sicilia. La scossa è avvenuta nella zona ‘Costa Siciliana nord orientale’, in provincia di Messina e con ipocentro molto profondo, 135 km. Dunque a grande distanza dall’epicentro del precedente terremoto, localizzato sulla terraferma e nell’area orientale della regione Sicilia.

Contents.media
Ultima ora