Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Perugia, capannone industriale in fiamme. Il Comune: “Non uscite”
Cronaca

Perugia, capannone industriale in fiamme. Il Comune: “Non uscite”

A Perugia, un incendio scoppiato in uno stabilimento dei rifiuti a causato una colonna di fumo nero, con l'intervento della Protezione civile.

A Perugia, un incendio scoppiato in uno stabilimento di smaltimento rifiuti ha causato l’allerta della Protezione civile, che, di concerto con il Comune, ha esortato i cittadini a non uscire di casa e a chiudere le finestre.

Perugia, incendio in uno stabilimento industriale

Un vasto incendio è divampato in un capannone industriale di smaltimento rifiuti nella zona di Ponte San Giovanni alla periferia di Perugia. L’enorme colonna di fumo nero sprigionatasi dalle fiamme è stata avvistata da gran parte delle zone della città umbra. A intervenire sul posto per estinguere le fiamme potenzialmente nocive sono intervenuti i vigili del fuoco con tutto il personale e i mezzi a disposizione: 24 uomini con 5 autobotti e un funzionario.
Presenti sul luogo anche le forze dell’ordine. E’ stata attivata poi l’Arpa (L’Agenzia regionale per la protezione ambientale) per i controlli ambientali e allertata la Protezione civile del Comune di Perugia. L’amministrazione comunale di Perugia, sul suo profilo Facebook, ha scritto “Si suggerisce alla popolazione di non stare all’aperto e di tenere chiuse le finestre“.

La Protezione civile “Non uscite di casa”

Lo stabilimento in cui è scoppiato l’incendio fa parte della Biondi Recuperi, un’azienda che si occupa di trattamento, raccolta e recupero dei rifiuti, come scrive Fanpage.

Il rischio per i cittadini è che l’incendio rilasci nell’aria sostanze tossiche, che potrebbero causare diversi problemi di salute ai cittadini perugini. Come conclude la Protezione civile “Si comunicheranno ulteriori aggiornamenti in serata”. Si tratta di un ulteriore incendio scoppiato in uno stabilimento industriale in pochi giorni, dopo un simile episodio avvenuto a Napoli.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche