Bambini travolti dal Suv: è polemica sui funerali di Alessio
Cronaca

Bambini travolti dal Suv: è polemica sui funerali di Alessio

funerale bambini suv
funerale bambini suv

L'incidente è avvenuto giovedì scorso e ha causato la morte di Alessio. I suoi funerali sono stati affidati all'agenzia di pompe funebri Cutello.

Nella serata di giovedì 11 luglio un Suv aveva travolto un gruppo di bambini a Vittoria. Il piccolo Alessio D’Antonia aveva perso la vita sul colpo, mentre il cugino Simone è rimasto ferito gravemente e ha perso gli arti inferiori. A pochi giorni dall’incidente è stato organizzato il funerale del bimbo. Sarà, infatti, l’agenzia di pompe funebri Cutello, amministrata proprio da Maurizio Cutello e Angelo Ventura (attualmente indagati) ad occuparsi del funerale.

Suv travolge bambini: i funerali

Giovedì scorso, in serata, un Suv guidato da Rosario Greco ha travolto un gruppo di bambini. Nello scontro ha perso la vita il piccolo Alessio e suo cugino è rimasto ferito in modo grave. A organizzare il funerale del bambino sarà proprio l’agenzia amministrata da uno degli uomini attualmente sotto processo, Maurizio Cutello. A diffondere la notizia è stato Paolo Borrometi, che con un post pubblico su Facebook scrive: “La follia nella follia. Fermate questo scempio, intervenite per evitare che i funerali del piccolo Alessio D’Antonio possano essere fatti da un amico di chi lo ha ucciso”.

Secondo Paolo, infatti, è inaccettabile che questa agenzia gestisca i funerali del bambino.


Infatti, il suo messaggio prosegue: “Hanno affidato il funerale del piccolo bimbo, all’Agenzia funebre del delinquente Maurizio Cutello. Cutello era socio in affari con il capomafia Titta Ventura e con il figlio Angelo detto ‘U checco’ e venne arrestato per questo. Lo stesso Angelo Ventura che è stato denunciato e che era nella macchina che ha ucciso il bimbo. Vi prego intervenite. Vittoria non può essere la città delle contraddizioni a tal punto. Fate qualcosa. Non profanate la memoria del piccolo Alessio. Evitiamo almeno questo scempio!”.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Laura Pellegrini
Classe 1998, cresciuta condividendo il sogno del padre. Veronese di origini, ma milanese acquisita. Studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società" con un grande sogno nel cassetto: costruire una carriera internazionale e un nome nel giornalismo politico. Amante dei viaggi e curiosa rispetto ai fatti di attualità, insegue con determinazione il suo obbiettivo.