×

Coronavirus, rischio contagio in casa: l’allarme degli esperti

Condividi su Facebook

Il rischio di contagio del coronavrus in casa è molto più concreto di quanto sembrava all'inizio: l'allarme degli esperti.

coronavirus studente residenza universitaria torino

Secondo gli esperti il rischio di contrarre il coronavirus e diffondere il contagio in casa, luogo ritenuto sicuro tanto da esserne vietata l’uscita se non per necessità, è molto alto. Un asintomatico che ha contratto l’infezione prima dell’avvio delle misure di contenimento potrebbe infatti trasmetterla all’intera famiglia.

Coronavirus: rischio contagio in casa

I casi sarebbero ormai decine e trovano la conferma anche dei medici. Uno dell’ospedale Sacco ha per esempio spiegato che non è raro l’arrivo, anche non nello stesso momento, di intere famiglie in cui un membro ha la febbre, l’altro necessita di ossigeno e un altro ancora ha sintomi lievissimi. “Avevamo qui un signore dal mattino in attesa del tampone. Un’ambulanza qualche ora dopo ha portato una donna in codice rosso, molto grave. Era la moglie“, ha affermato.

A ribadire il rischio che il virus venga trasmesso tra le mura domestiche è anche Paola Pedrini, segretario lombardo della Federazione dei medici di medicina generale. Costei ha sottolineato che nella quasi totalità delle coppie anziane quando uno dei due inizia ad avere sintomi, dopo qualche giorno alche le altre persone che vivono con l’infetto si ammalano.

Questo perché a suo parere non vi è un adeguato isolamento.


O forse anche per il fatto che il periodo massimo di incubazione potrebbe essere superiore ai 15 giorni. E quindi, pur rispettando divieti e distanze di sicurezza, qualcuno potrebbe aver preso il virus prima delle misure di restrizione e, da asintomatico, averlo trasmesso ora ai membri della sua famiglia.

Nata in provincia di Como, classe 1997, frequenta la facoltà di Lettere presso l'Università degli studi di Milano. Collabora con Notizie.it


Contatti:

1
Scrivi un commento

1000
1 Discussioni
0 Risposte alle discussioni
0 Follower
 
Commenti con più reazioni
Discussioni più accese
1 Commentatori
più recenti più vecchi
Pietro

Mi permetto di fare questa considerazione : con la chiusura delle scuole bambini e ragazzi sono stati affidati ai nonni, le famiglie si sono allargate e sono aumentati i contatti con i genitori che lavorano e che vengono a riprendere i bambini. Se qualcuno di essi è positivo-asintomatico trasmette il contagio in casa , ecco perchè tanti anziani si ammalano senza uscire e perchè i contagi non sono diminuiti. Le prove fatte in Veneto e in Corea dicono che alcuni asintomatici sono positivi e chi senza saperlo ha contratto il virus (ancora in incubazione) entra ed esce di casa contagiando… Leggi il resto »


Contatti:
Debora Faravelli

Nata in provincia di Como, classe 1997, frequenta la facoltà di Lettere presso l'Università degli studi di Milano. Collabora con Notizie.it

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.