×

Roma, blitz della polizia contro il clan dei Casamonica

Blitz della Polizia di Stato contro il clan dei Casamonica a Roma. Esulta Virginia Raggi: "Una vittoria per Roma e i suoi cittadini"

Roma_blitz_Casamonica
Blitz della Polizia di Stato contro il clan dei Casamonica a Roma

Blitz contro il clan dei Casamonica di Roma. Su richiesta della Direzione distrettuale antimafia, la Polizia di Stato sta eseguendo misure cautelari per associazione di stampo mafioso, estorsione, usura e intestazione fittizia di beni.

Blitz contro Casamonica a Roma

Un maxi sequestro di beni ai fini della confisca è stato disposto per 20 milioni di euro, su proposta del procuratore della Repubblica e del questore di Roma.

L’operazione è in corso dalle prime ore di questa mattina, martedì 16 giugno. Per questo blitz sono impiegati più di 150 uomini della Polizia del Servizio Centrale Operativo, della Squadra Mobile di Roma e del Commissariato Romanina.

La soddisfazione del sindaco

Enorme la soddisfazione del sindaco di Roma, Virginia Raggi, che in un tweet ha dichiarato: “Grazie a Polizia di Stato, Procura Roma e Antimafia per blitz contro Casamonica. Sferrato nuovo duro colpo a clan: arrestate 20 persone e sequestrati beni per 20 mlm euro. Una vittoria per Roma e i suoi cittadini”

Dichiarazioni dell’Antimafia

Esulta anche Nicola Morra, presidente della Commissione parlamentare Antimafia: “Un durissimo colpo al clan dei Casamonica è stato inferto dallo Sco e dal Servizio centrale Anticrimine della polizia di Stato – si legge in una nota -. Un’operazione nominata ‘Noi proteggiamo Roma’ che mette ancora più in luce la potenza di questo clan, a cui sono stati sequestrati beni per un valore di 20 milioni di euro in un periodo di dura crisi economica”.

Storia di un blitz

Questo blitz è solo uno dei tanti effettuati nei confronti del clan. L’ultimo degno di nota era quello avvenuto nel 2019, in seguito all’operazione denominata “Gramigna“, effettuata l’anno prima. In tale occasione erano state arrestate 23 persone. Gli arresti verso persone appartenenti al clan vanno avanti almeno dal 2004.

Contents.media
Ultima ora