×

Raccolta fondi per Chiara: 18mila euro per la lotta al cancro

Condividi su Facebook

Una raccolta fondi in memoria di Chiara Giuntoli, la giovane morta in ospedale dopo la proposta di matrimonio.

raccolta fondi chiara
Raccolta fondi per Chiara Giuntoli

Chiara è morta in ospedale – a causa di una malattia terminale – poche ore dopo la proposta di matrimonio del suo fidanzato. Una scena ripresa da un telefonino che ha fatto il giro del web diventando virale anche oltre i confini nazionali, tanto da essere finita anche sulle pagine di giornali americani e britannici.

Adesso, per non rendere vana la lotta della giovane, è stata istituita una raccolta fondi in sua memoria.


L’idea è nata da colui il quale doveva essere il suo futuro sposo, Edoardo. Con un annuncio su Facebook ha pubblicizzato la campagna di crowdfunding, ovvero una vera e propria raccolta fondi per sostenere la ricerca nella lotta al cancro.

Raccolta fondi in memoria di Chiara Giuntoli

In poche ore si è già raggiunta una cifra importante, ma destinata ad aumentare: i 18mila euro sono solo un primo tassello. Nella pagina della raccolta fondi istituita da Edoardo si legge come Chiara fosse: “Una ragazza piena di gioia e voglia di vivere, amata da tutti. Purtroppo, 2 anni anni fa, le è stato diagnosticato un cancro al seno. Chiara non si è lasciata scoraggiare, e col suo solito sorriso si è preparata a combattere contro questo mostro, circondata dall’amore e dal supporto della sua famiglia, del suo compagno Edoardo e degli amici”.

La storia di Chiara è la stessa di migliaia di donne: “In un primo momento sembrava aver vinto la sua battaglia, e proprio in nome della ricerca e a sostegno di chi l’aveva aiutata a guarire, il 16 giugno 2019, insieme a Edoardo, aveva organizzato una partita di beneficenza in cui avevano partecipato calciatori del panorama dilettantistico toscano, con il supporto di figure rilevanti del settore come Luciano Spalletti”.



E anche in quel caso, con una partita di beneficenza, la cifra raccolta fu molto importante: “Davanti a più di mille persone, in una sera d’estate – si legge sempre nella pagina che sponsorizza la raccolta fondi in memoria di Chiara -, sono stati raccolti più di 10mila euro, devoluti poi alle associazioni A.I.R.C.

e Associazione Senologica Internazionale (Ospedale S. Chiara di Pisa). Sembrava una favola a lieto fine, ma purtroppo non tutte le storie belle finiscono con un ‘e vissero per sempre felici e contenti’. Chiara è venuta a mancare il 19 giugno 2020 a causa di improvvise complicazioni dovute a questa tremenda malattia. L’obiettivo di questa raccolta è supportare la ricerca per la lotta contro il cancro al seno, facendo in modo che la battaglia di Chiara e il suo altruismo non vadano persi”.

Nato a Reggio Calabria il 13 maggio del '93 con due passioni: lo sport e il giornalismo. Laureato in Comunicazione Pubblica e di Impresa a La Statale di Milano, ha ricoperto il ruolo di content editor per testate giornalistiche generaliste e a indirizzo sportivo del network Tmw. Ha ricoperto il ruolo di social media per le pagine di UrbanPost e LuxGallery. Appassionato di cinema e moda, ha preso parte alla Mostra del Cinema di Venezia 2016 e al Pitti Uomo edizioni 2017 e 2018. In ambito politico, ha seguito la campagna elettorale del Referendum 2016 grazie al soggiorno presso la città di Firenze


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Antonino Paviglianiti

Nato a Reggio Calabria il 13 maggio del '93 con due passioni: lo sport e il giornalismo. Laureato in Comunicazione Pubblica e di Impresa a La Statale di Milano, ha ricoperto il ruolo di content editor per testate giornalistiche generaliste e a indirizzo sportivo del network Tmw. Ha ricoperto il ruolo di social media per le pagine di UrbanPost e LuxGallery. Appassionato di cinema e moda, ha preso parte alla Mostra del Cinema di Venezia 2016 e al Pitti Uomo edizioni 2017 e 2018. In ambito politico, ha seguito la campagna elettorale del Referendum 2016 grazie al soggiorno presso la città di Firenze

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.