×

Coronavirus, bilancio del 16 luglio: 243.736 casi e 20 morti in più

Condividi su Facebook

Le autorità competenti hanno diramato il bilancio dei nuovi casi positivi di coronavirus registratisi il 16 luglio 2020.

coronavirus bilancio del 16 luglio 2020

Il Ministero della Salute, di concerto con l’Istituto Superiore di Sanità e le singole amministrazioni regionali, ha diramato il bilancio dei contagi da coronavirus aggiornato a giovedì 16 luglio 2020. Rispetto alla giornata precedente si sono registrati 230 casi positivi, 20 decessi e 230 guarigioni/dimissioni.

Coronavirus: il bilancio del 16 luglio 2020

Con queste cifre il totale delle persone diagnosticate positive dall’inizio dell’epidemia è salito a 243.736, quello relativo alle vittime ha superato quota 35 mila e si attesta a 35.017 e quello delle dimissioni/guarigioni a 196.246. Quanto invece al numero degli attualmente positivi presenti sul suolo nazionale esso ammonta a 12.473.

La stragrande maggioranza degli infetti, pari a 11.670, si trova in isolamento domiciliare senza sintomi o con sintomi lievi, 750 sono invece ricoverati e 53 sono intubati in terapia intensiva.

Rispetto al giorno precedente il primo dato è diminuito di 47 unità mentre il secondo è diminuito di 7.

Tabella 16 luglio 2020

I tamponi effettuati dallo scoppio della pandemia sono 6.103.492 per un totale di 3.663.596 casi testati. Quelli processati nel corso della giornata sono pari a 50.432.

Nel complesso le diagnosi positive sono pari allo 0,45% dei test diagnostici giornalieri.

Quanto al dato territoriale, la regione più colpita rimane la Lombardia, che dallo scoppio della pandemia ha registrato 95.316 casi con un incremento giornaliero pari a 80 unità. Seguono poi Piemonte, Emilia-Romagna Veneto Toscana e Liguria che hanno tutte oltre 10 mila contagi.

Quattro regioni con zero contagi

Sono quattro le regioni che non hanno registrato alcun caso positivo: Umbria, Valle d’Aosta, Molise e Basilicata.

Ad esse si aggiunge la Provincia autonoma di Trento.

Nata in provincia di Como, classe 1997, frequenta la facoltà di Lettere presso l'Università degli studi di Milano. Collabora con Notizie.it


Contatti:
2 Commenti
più vecchi
più recenti
Inline Feedbacks
View all comments
Ermanno
16 Luglio 2020 23:48

20 morti in più rispetto a cosa ? A tutti i costi si vuole vaccinare la popolazione con un vaccino che non ha passato i normali controlli che durano anni.Sarebbe interessante sapere se i nostri politici farebbero vaccinare i propri congiunti con questo vaccino.E ci sono sempre i 49.301 morti annuali per infezioni ospedaliere di cui nessun giornale sembra abbia il coraggio di parlare.

lucy la sorella di maullixio molesta vicchy a pale
17 Luglio 2020 00:00

dante testimone


Contatti:
Debora Faravelli

Nata in provincia di Como, classe 1997, frequenta la facoltà di Lettere presso l'Università degli studi di Milano. Collabora con Notizie.it

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.